Incendio a Messina, Berlusconi scrive una lettera per i due fratellini morti nel rogo: “Il gesto di Francesco è una lezione d’amore”

  • LaPresse/Carmelo Imbesi
    LaPresse/Carmelo Imbesi
  • Carmelo Imbesi/LaPresse
    Carmelo Imbesi/LaPresse
  • Carmelo Imbesi/LaPresse
    Carmelo Imbesi/LaPresse
  • LaPresse/Carmelo Imbesi
LaPresse/Carmelo Imbesi
    LaPresse/Carmelo Imbesi LaPresse/Carmelo Imbesi
  • LaPresse/Carmelo Imbesi
LaPresse/Carmelo Imbesi
    LaPresse/Carmelo Imbesi LaPresse/Carmelo Imbesi
  • LaPresse/Carmelo Imbesi
    LaPresse/Carmelo Imbesi
/

Messina, l’ex premier Berlusconi dedica un pensiero ai due fratelli morti nell’incendio: “Il gesto di Francesco ci dimostra che esiste un’altra Italia, fatta di generosità, di solidarietà, di coraggio, di spirito di sacrificio e soprattutto amore”

Anche Silvio Berlusconi ha voluto dedicare un pensiero ai due fratellini Messina, morti nel rogo divampato nell’appartamento in via dei Mille la scorsa notte. La lettera è stata pubblicata dal Giornale:

Il coraggioso gesto del piccolo Francesco Filippo che ha perso la vita nel tentativo di salvare da un incendio il fratellino Raniero, un atto che sarebbe ammirevole in un adulto, è addirittura emozionante e commovente perché compiuto da un ragazzo di soli 13 anni”– scrive Berlusconi- In una società che ci appare dominata dall’egoismo, dall’indifferenza, dalla disonestà, dalla sopraffazione, un gesto di un bambino ci dimostra che esiste un’altra Italia, fatta di generosità, di solidarietà, di coraggio, di spirito di sacrificio e soprattutto amore“. Commossa dalle parole dell’ex premier Micaela Biancofiore (FI):  “Dire che la lettera scritta dal  Presidente Berlusconi in ricordo del piccolo Francesco Filippo morto a Messina a 12 anni nel rogo della sua casa per salvare il fratellino, è commovente è dire poco, e persino banale. Personalmente mi ha fatto  venire la pelle d’oca per quanto è toccante“. “Trovo incredibilmente bello che un grande imprenditore un uomo che  ha visto e vissuto di tutto nella vita, 4 volte Presidente del  Consiglio, Presidente di tutto l’inimmaginabile per la maggior parte  degli uomini, sia straziato dalla cronaca della vita quotidiana e  trovi il tempo per ricordare un bambino straordinariamente coraggioso esempio per un Paese che sta dimenticando i valori imprenscindibili  per l’essere umano. Un gesto quello del Presidente Berlusconi che  rivela ancora una volta come nel terremoto de l’Aquila o in milioni di altri episodi rimasti riservati“. “Un grande cuore in campo, indispensabile a squarciare il cinismo  della politica perlopiù concentrata su scandali e insulti reciproci,  mentre il Paese reale fa i conti con le mille difficoltà e tragedie  quotidiane, come quella del piccolo Francesco ma anche della  campionessa di nuoto sincronizzato, Noemi Carrozza vittima delle  strade distrutte di Roma, mentre si pensa allo Stadio. sarebbe bello  che in tutti i capoluoghi italiani, a partire dalla mia regione il  Trentino Alto Adige, si intitolasse una strada alla memoria  dell’eroismo del piccolo Francesco Filippo“, conclude.