Reggio Calabria, appello alla politica: troppe famiglie senza una casa

La voce di un cittadino che fa un appello rivolto alla politica, troppe le famiglie nella provincia di Reggio Calabria che a breve resteranno senza una casa, “Destinare i beni confiscati alle mafie”

Ci sono ben 14 sfratti esecutivi a Villa San Giovanni, la prima causa è la perdita o la mancanza del lavoro, 14 famiglie che a breve resteranno senza una casa, inaccettabile. Nei casi piu’ preoccupanti c’e’ anche una mamma disabile con due figli minori.” – Con queste parole Giancarlo Citrea, fa un forte appello alla politica firmandosi “un cittadino qualunque” e presegue – “Colgo l’occasione e Vi rendo partecipi, forse l’ultima volta, visto che il tempo e’ scaduto. Mi rivolgo principalmente alla nostra Amministrazione comunale, al Sindaco f.f. Maria Grazia Richichi, gia’ assessore alle politiche sociali di avvalersi e ricordarsi anche del finanziamento di € 1.248.641,00 dei fondi P.O.N. , un intervento per l’attuazione del sostegno per l’inclusione sociale attiva (SIA). Un appello a coloro che siedono al Governo, Marco Siclari (FI) e Federica Dieni (M5S), di stare piu’ vicini e attenti a queste problematiche, insomma, partire dal basso, serve l’aiuto di tutti. Infine un appello alle varie Associazioni dislocate sul territorio, di far un passo indietro riguardo la richiesta di un immobile confiscato alle mafie, di questi tempi a dir poco orribili dovremmo risolvere i problemi piu’ gravi che affliggono quotidianamente la nostra società e questo mi sembra il primo, inappellabile e unica occasione giusta. Il nostro desiderio e’ avere una famiglia serena e una casa, oggi e’ un desiderio che non tutti purtroppo possono realizzare, ma non per questo è da considerarsi irrisolvibile. Naturalmente con l’ausilio del Prefetto, informandolo e chiarendo su un’eventuale conversione e destinazione finale del bene. Sicuro di un vostro impegno concreto Vi ringrazio anticipatamente.”