Reggio Calabria: “dal prelievo ematico al risultato”, viaggio all’interno dell’istituto clinico De Blasi [FOTO]

/

I ragazzi del Convitto Nazionale “T. Campanella” di Reggio Calabria hanno visitato il laboratorio di analisi chimico-cliniche De Blasi

Nelle giornate del 14, 16 e 18 Maggio gli studenti delle classi terze della Scuola Secondaria I° grado del Convitto Nazionale “T. Campanella” di Reggio Calabria a conclusione di un percorso di studio scientifico rivolto all’osservazione ed alla sperimentazione, hanno effettuato un’uscita didattica coordinata dalla Prof.ssa Domenica Stillitano, presso il laboratorio di analisi chimico-cliniche De Blasi di Reggio Calabria.

La giornata ha avuto inizio con il benvenuto del Direttore Eduardo Lamberti-Castronuovo, il quale ha accolto gli studenti ricordando loro che anche nella nostra terra esistono strutture all’avanguardia ed eccellenti professionisti. E’ seguita, attraverso l’esibizione del logo, una presentazione del laboratorio da parte del dottore Alessandro Lamberti-Castronuovo, dalla fondazione ad oggi; una storia lunga 40 anni che oggi raggiunge dei numeri sorprendenti: circa 400 esami ematologici al giorno, 200 esami di radiologia e 100 ecografie.

Si è passati. poi, ad una dettagliata illustrazione dal momento del prelievo del sangue al risultato finale con le tre fasi dell’esame di laboratorio. Si è fatto riferimento anche alle possibili criticità della struttura dovuti ad errori grossolani, sistematici e casuali, puntualizzando, però, l’accuratezza e la precisione usata per evitare l’insorgenza di tali errori. L’ultima fase descritta è stata quella della consegna dell’esame, effettuata personalmente al paziente o ad un eventuale delegato dallo stesso; inoltre, si è evidenziato che i dati critici vengono comunicati nell’immediatezza.

Dopo un break, gentilmente offerto dalla struttura agli alunni, si è passati all’interno dell’Istituto nei vari settori di Ematologia, Sierologia, Microbiologia, Immunologia, Chimica clinica, Genetica, Anatomia Patologica, Citologia e HPLC. L’opportunità offerta ai nostri ragazzi è stata sicuramente unica ed irripetibile: poter osservare, così da vicino, procedure di esecuzione di alcune indagini diagnostiche secondo i principali momenti, pre-analitico, analitico e post-analitico, è stato un grande privilegio. Lo studente ha avuto modo di valutare, sia le metodologie pertinenti alla chimica clinica ed alla diagnostica di laboratorio, sia il significato dei dati in relazione alle condizioni patologiche del paziente. Il viaggio “Dal prelievo ematico al risultato all’interno dell’istituto clinico” ha consentito, inoltre, agli alunni di conoscere meglio la composizione del sangue ed osservare le cellule stesse del sangue, conoscere la struttura e la funzione dei microrganismi, osservare un terreno di coltura e vedere campioni di tessuti e cellule, sentire parlare di analisi del DNA anche per l’individuazione di malattie genetiche.

Hanno avuto modo di conoscere gli strumenti e gli attrezzi del laboratorio, come il microscopio, l’analizzatore automatico, macchine complesse che automatizzano tutta o parte della fase preanalitica, dosano reagenti ed effettuano la misura, oltre alla conversione da unità base (spesso unità di luce) alle unità metriche del risultato, centrifughe, incubatori, e tanto altro ancora …. grazie a tutto lo staff del laboratorio De Blasi.

“La cultura è assorbita dall’allievo attraverso esperienze in un ambiente ricco di occasioni e di scoperte”. (Maria Montessori)