L’Esercito Italiano dona il sangue presso l’Azienda Ospedaliera Papardo di Messina

I militari dell’Esercito Italiano si sono sottoposti alla donazione di sangue presso l’Azienda Ospedaliera Papardo di Messina

Giovedì 17 maggio presso il centro trasfusionale dell’Ospedale Papardo di Messina il Commissario Straordinario dell’Azienda Paolo La Paglia e il direttore sanitario della Brigata “Aosta” dell’Esercito Italiano, Colonnello Alfonso Zizza, insieme ad altri dieci giovani militari della stessa brigata si sono sottoposti alla donazione di sangue, ai fini di contribuire ad aumentarne la disponibilità a Messina, città nella quale non c’è autosufficienza, e si è costretti a far arrivare sangue da fuori provincia.

Sotto l’attenta direzione del Primario Dott.ssa Roberta Fedele, che svolge quotidianamente opera di divulgazione e proselitismo, il personale sanitario del centro trasfusionale con grande professionalità ha assistito i donatori nelle varie fasi del prelievo.

“Sono contento – ha dichiarato il Colonnello Zizza – di contribuire insieme ai miei soldati ad una così nobile iniziativa, ed aiutare la raccolta per chi ha bisogno di una trasfusione di sangue.”

“Ringrazio il Colonnello Zizza e i suoi soldati – ha aggiunto il Commissario Paolo La Paglia – per avere contribuito tangibilmente alla raccolta di sacche di sangue, e per avere dato un grande esempio di sensibilità sociale che sono certo contribuirà ad accrescere la cultura della donazione in provincia di Messina.”

L’azienda Ospedaliera Papardo ha in cantiere altre iniziative per coinvolgere più soggetti possibili a donare il sangue.

“Le informazioni contenute in questo messaggio elettronico possono essere riservate e sono, comunque, rivolte esclusivamente al/i soggetto/i cui è indirizzato. La riproduzione, la diffusione e l’utilizzo non autorizzato o da parte di persone diverse dal legittimo destinatario delle informazioni in esso contenute sono proibiti e illegittimi. Qualora riceveste questa mail  per errore, siete pregati  di restituire quanto erroneamente ricevuto all’indirizzo di cui sopra o di procedere all’immediata distruzione  dell’intero messaggio elettronico. Quanto precede ai fini del rispetto del decreto legislativo n. 196  del 30 giugno 2003 sulla tutela dei dati personali”.