Viola shock, il Basket a Reggio Calabria è finito (di nuovo): penalizzazione di 34 punti e retrocessione aritmetica

Viola Basket Reggio Calabria, penalizzazione drammatica per il club neroarancio

Foto di Edmondo Mavilla

Penalizzazione shock per la Viola Basket di Reggio Calabria punita con -34 punti in classifica e condannata all’ultimo posto in graduatoria, che significa retrocessione aritmetica anche se dovesse vincere tutte le tre partite rimanenti in stagione. La fidejussione richiesta dal regolamento per l’iscrizione al campionato è stata giudicata irregolare dopo alcune verifiche: ne avevamo già parlato a inizio marzo, esattamente un mese fa. La Procura Federale prima di valutare ha sentito i vertici della società.

Il Tribunale Federale, nella seduta odierna – si legge nella nota ufficiale – applica al Sig. Giovanni Cesare Muscolino, proprietario di maggioranza della soc. Viola Reggio Calabria, il provvedimento di inibizione per anni 3, fino al 9 aprile 2021; applica al Sig. Raffaele Monastero, Presidente della soc. Viola Reggio Calabria, il provvedimento di inibizione per anni 1, fino al 9 aprile 2019; infligge alla soc. Viola Reggio Calabria n.34 punti di penalizzazione in classifica da scontarsi nell’anno sportivo in corso. Attesa la particolare complessità della questione, fissa in 10 giorni il termine per il deposito della motivazione“.

Finisce così il sogno playoff della squadra neroarancio che si trovava al 6° posto in classifica a soli due punti dal terzo posto e con una partita in meno delle ormai ex dirette concorrenti per gli spareggi che potevano regalare la promozione in Lega A.

Il destino del basket reggino resta appeso al secondo grado di giudizio, ma dopo una sentenza così pesante, le speranze neroarancio sono davvero ridotte al lumicino.