Turismo: Cst e Confesercenti, offerta alberghiera italiana prima in Europa

Roma, 17 apr. (AdnKronos) – Una rete leggera, diffusa sul territorio e ad alto tasso di investimento nelle tecnologie innovative. E’ questa la fotografia scattata al sistema alberghiero italiano da Cst e Confesercenti, in occasione dell’Assemblea Elettiva di Assohotel, l’associazione di categoria che riunisce le attività della ricettività aderenti alla Confederazione di imprese. L’immagine tracciata dai dati è quella di una rete da record: con 33.166 hotel e 2.248.225 posti letto, infatti, l’offerta alberghiera italiana è prima in Europa sia per numero di strutture alberghiere che per offerta di posti. Significativo che l’Italia si posiziona al quarto posto nel mondo dopo Usa, Cina e Giappone per numero di camere, davanti a Regno Unito, Germania e Spagna.
Il grosso degli arrivi annuali italiani, più del 77%, è diretto verso le strutture alberghiere: tra queste sono gli alberghi a 4 e 3 stelle a concentrare oltre l’85% degli arrivi. Opportuno segnalare la crescita degli arrivi nelle strutture ricettive a 5 e 4 stelle, che per gli stranieri negli ultimi quattro anni è del +21% mentre per gli italiani del +13%. Calano invece in media del 15% gli arrivi nelle strutture alberghiere a 2 e 1 stella. Come detto sopra, l’utilizzo degli alberghi di qualità superiore soprattutto per la componente turistica straniera spinge a cambiamenti dal lato dell’offerta.
Complessivamente, le attività alberghiere negli ultimi 4 anni si sono ridotte di circa 560 unità, una contrazione che ha riguardato soprattutto gli alberghi a 1 e 2 stelle con 1.175 alloggi in meno su tutto il territorio nazionale. A fronte di questo calo si ha però una crescita (rispettivamente del 17 e 7 per cento) degli alberghi di lusso a 5 stelle e degli alberghi a 4 stelle, strutture con una capacità di oltre 150 posti letti di media. Si continua quindi ad evidenziare uno spostamento delle categorie da quelle più basse a quelle di maggiore ‘qualità’.

Adnkronos