Turismo: a Vicenza in crescita i turisti in città nel 2017 (3)

(AdnKronos) – (Adnkronos) – Per esempio in campeggio, ostello o convitto religiosi l’imposta è di 0,50 euro a persona a notte, invece in affittacamere, appartamenti, bed breakfast è di 2 euro. Nel caso delle strutture alberghiere l’imposta varia da 1 euro a 3 euro, a seconda della tariffa del pernottamento. Serve a finanziare interventi turistici, anche a sostegno delle strutture ricettive o per la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambienti locali, nonché per i servizi pubblici locali. (Informazioni Imposta di soggiorno http://www.comune.vicenza.it/cittadino/scheda.php/42724,71396)
Nel 2014 l’incasso (stimato) derivante dall’imposta di soggiorno è stato di 434.082 euro, nel 2015 di 541,021, nel 2016 573.518, nel 2017 648.325 euro: è evidente il costante aumento dell’imposta che corrisponde ad una crescita dei pernottamenti in città. Infatti dal 2014 al 2017 l’incremento è stato del 49,36% e dal 2016 al 2017 del 13,04%.
Come si evince dai dati turistici, elaborati dal Consorzio Vicenza è si dati dell’ufficio statistica della Regione Veneto attraverso dati Istat, se nel 2014 le presenze (corrispondenti al numero di notti trascorse in città) erano pari a 446.816, nel 2015 si è arrivati a 500.734 e nel 2016 a 564.456.
(segue)

Adnkronos