Turismo: a Vicenza in crescita i turisti in città nel 2017 (2)

(AdnKronos) – (Adnkronos) – “Riflettendo così la grande, costante crescita delle presenze alberghiere, che anno per anno fanno segnare un aumento a doppia cifra: già a settembre, prima che scattasse ‘l’effetto grande mostra”, i parziali del 2017 superavano abbondantemente i totali del 2014. E ci aspettiamo che i dati definitivi mostrino le presenze alberghiere superare decisamente le 600 mila: nel 2014 erano state meno di 450 mila. I numeri in costante crescita degli ingressi nei musei comunali, presentati poche settimane fa, che hanno visto il raddoppio degli incassi tra il 2014 e il 2017, trovano quindi ovvio riscontro negli aumenti delle presenze turistiche e nel gettito della imposta di soggiorno a beneficio del Comune”, spiega.
“Un risultato che premia il mix di investimento sui luoghi stabili della bellezza vicentina, come i musei e i monumenti, sugli eventi culturali a vocazione nazionale e internazionale, e anche sulle grandi mostre in Basilica, che hanno contribuito in modo decisivo tanto alla promozione del territorio quanto alla crescita dei suoi visitatori. E che non sarebbe stato possibile senza il grande lavoro di riorganizzazione ed efficientamento realizzato con molta determinazione dai collaboratori del mio settore, che ringrazio tutti attraverso la direttrice Loretta Simoni: un grande lavoro che trova un bellissimo riconoscimento nei 4 premi Olivetti appena conquistati per l’innovazione in campo culturale”, conclude.
L’imposta di soggiorno è in vigore dal primo maggio 2012 e nel 2014 la giunta l’ha modificata. Viene richiesta ai visitatori, non residenti a Vicenza, che pernottano in strutture ricettive ubicate nel territorio comunale. E’ determinata per persona e per pernottamento e commisurata alle caratteristiche e ai servizi offerti dalle strutture ricettive e al valore del soggiorno.
(segue)

Adnkronos