T.Imerese: verso licenziamento operai indotto, sindaco ‘accanto a lavoratori’ (2)

(AdnKronos) – “Stiamo tentando di fare il possibile per sostenere questi lavoratori – dice il sindaco -. L’auspicio è che Blutec si attivi in modo tale che questi lavoratori, nonostante la mobilità, possano essere riassorbiti. Ma tutto passa dal rilancio del sito industriale. Purtroppo, però, non abbiamo importanti novità. Si attende dal 16 marzo scorso l’esito della relazione presentata da Blutec a Invitalia che dovrà chiarire le modalità e i tempi di utilizzo dei sostegni economici sino a oggi erogati dal governo nazionale sia anche per conoscere lo stato di avanzamento del progetto e le garanzie occupazionali. La questione, dunque, al momento è nelle mani del ministero dello Sviluppo economico e di Blutec, ma noi non resteremo a guardare e, sempre nel rispetto della legalità, siamo pronti ad intraprendere ogni iniziativa di protesta utile a tutelare i lavoratori e le loro famiglie che vivono momenti drammatici”.
Un’altra drammatica realtà è vissuta dai lavoratori della “Manital Idea” che lo scorso 28 marzo hanno incontrato il sindaco Giunta per raccontare dello stato di particolare disagio che vivono. L’unico reddito di cui dispongono è la Naspi, erogata dall’Inps e che si concluderà nel mese di marzo del 2019. Così il sindaco, facendosi interprete dello stato di disagio di queste famiglie, ha scritto al ministero dello Sviluppo economico, unità gestione imprese in crisi. “Tenuto conto che Manital Idea negli anni scorsi, a causa della mancanza di commesse, ha licenziato i dipendenti operanti a Termini Imerese – scrive il primo cittadino – a seguito del rifiuto da parte delle istituzioni all’utilizzo di altro periodo di Cigd contrariamente agli impegni presi e sottoscritti in sede ministeriale. Sembrerebbe, inoltre, che sussista la determinazione di non voler includere i dipendenti della Manital Idea tra il personale transitato in Blutec, come da accordi del 2011 e del 2014”. Da qui la richiesta di convocazione di un tavolo di concertazione che “possa ricondurre i lavoratori ad essere parte attiva del procedimento di riqualificazione e di ripresa delle attività industriali nel territorio imerese”.

Adnkronos