Messina, scuola “Albino Luciani”: a quando i lavori straordinari richiesti dal Genio Civile?

Messina, il consigliere Gioveni interroga l’amministrazione per conoscere se oltre agli interventi “tampone” sia stata pianificata anche una serie di interventi di manutenzione straordinaria del plesso, così come auspicato dal Genio Civile

“In data 27 dicembre 2017, al rientro dalle festività natalizie, il personale scolastico del plesso scolastico Albino Luciani a Messina aveva trovato una brutta  sorpresa nel corridoio del primo piano: una serie di calcinacci caduti dal tetto, esattamente da un giunto tecnico di due strutture della scuola, che aveva determinato persino un abbassamento verticale di 2 cm di una di esse.  Scattò, quindi, subito l’allarme lanciato dalla Dirigente scolastica prof.ssa Grazia Patanè che scrisse all’ Amministrazione, alla Prefettura e al Genio Civile, tanto da determinare un successivo accertamento tecnico da parte di quest’ultimo Ente nella persona dell’arch. Letterio Riparante, che constatò la necessità di eseguire degli interventi di manutenzione straordinaria nel plesso (vecchio di 40 anni)“. Lo ricorda il consigliere comunale Libero Gioveni che, con un’interrogazione rivolta all’Amministrazione, oggi chiede lumi su quali interventi richiesti dal Genio Civile sono stati programmati per il plesso dopo la crepa sul tetto. “Tra l’altro– scrive il consigliere- l’urgenza di rifare il “look” al plesso nasce anche dal fatto che esso ospita anche gli alunni della scuola “Ettore Castronovo” di Bordonaro, chiusa per problemi sismici ormai dal settembre 2016 e in attesa di ricevere i necessari interventi di adeguamento per la tanto auspicata riapertura, per cui il rischio di una possibile futura chiusura anche della scuola “Albino Luciani” (seppur al momento remota) si rivelerebbe non solo deleteria, ma anche drammatica”. Pertanto,  rilevata la necessità di dare risposte a un territorio di fatto sempre più sguarnito di plessi scolastici, Gioveni chiede di conoscere  se “oltre agli interventi “tampone” evidentemente già effettuati dopo l’accaduto del 27 dicembre scorso, sia stata pianificata anche una serie di interventi di manutenzione straordinaria del plesso, così come auspicato dal Genio Civile, ad assoluta garanzia della pubblica sicurezza”.