Sanità: aggressioni in corsia, medico ‘situazione pesante, abbandonati da tutti’ (3)

(AdnKronos) – Innanzitutto la carenza di personale che, però, è la tesi di Iacono “non è la ragione principale. C’è un problema di sovraffollamento dei pronto soccorso dove i pazienti restano molto più tempo del previsto a causa del grave e importante taglio dei posti letto per acuti”. In sostanze dopo le prime cure il paziente non viene dirottato nei reparti,m ma resta in barella nell’area di emergenza. La conseguenza? “Si crea un tappo e le risorse dedicate all’emergenza finiscono con il dover essere impiegate anche per venire incontro ai bisogni dei pazienti che stazionano in barella nei pronto soccorso” dice il direttore del Trauma center di Villa Sofia, che sabato sarà in piazza a Palermo. “In prima linea per dire ‘no’ alla violenza in corsia” assicura.

Adnkronos