Reggio Calabria, quando la sanità funziona: la storia a lieto fine del piccolo Remo e degli angeli che l’hanno salvato [DETTAGLI]

La storia a lieto fine di un bimbo sottoposto a tutte le cure del caso presso il  reparto di Pediatria del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria

ospedali riunitiLa mamma e il papà di un bimbo di Reggio Calabria hanno inviato una lettera alla nostra redazione per ringraziare pubblicamente il personale medico del reparto di Pediatria del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria. Ecco il testo integrale della lettera:

“Si parla sempre di malasanità alle nostre latitudini, ma oggi, la nostra famiglia vuole essere testimone di una contro tendenza, ovvero di eccellenze non sempre gratificate! E’ grazie alla sanità reggina e nello specifico al reparto di Pediatria del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, diretto dal Primario Dott.ssa Pieragostini, personale medico e paramedico nessuno escluso e alla Dottoressa Iaria (reparto di Ematologia), che nostro figlio Remo di soli 6 anni, costretto ad una lunga degenza, è stato sottoposto a tutte le cure del caso, farmacologiche e ancor più “umane”. Purtroppo, le sue condizioni di salute hanno richiesto un trasferimento d’urgenza presso una struttura più specialistica come l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, ma ad oggi possiamo affermare ad alta voce che grazie alle prime cure somministrate dal nosocomio reggino e al prezioso intervento dell’elisoccorso della Regione Calabria, a cui siamo grati per la celerità e professionalità dimostrata, che il nostro piccolo Remo si è messo alle spalle un periodo cupo e triste, sicuramente il più brutto della sua giovane età! Oggi Remo sta meglio ed è ritornato a casa tra l’affetto dei suoi familiari. Un ringraziamento lo rivolgiamo, quindi, a tutti i reparti sanitari che hanno prestato amorevolmente le loro cure con grande professionalità. Ringraziamo, inoltre, tutte le persone che ci sono state vicine, in particolare tutti i colleghi Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Reggio Calabria, per il supporto morale, umano ed economico alla stregua di una “seconda grande famiglia”! RingraziarVi tutti pubblicamente è il minimo che ci sentiamo di fare per ricambiare parte del Vostro affetto!

Vincenzo Spinella
Viviana Bruno”