Reggio Calabria, arrestato il boss Pelle: in manette anche il suo fiancheggiatore [NOME e FOTO] 

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Arrestato a Reggio Calabria il boss Pelle, insieme a lui in manette anche il fiancheggiatore. Il Questore: “Stiamo dimostrando di essere piu’ forti della ‘ndrangheta”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Giuseppe Pelle  e’ la sintesi migliore delle caratteristiche relazionali poste in essere dalla ‘ndrangheta con esponenti delle istituzioni di questa citta’, di questa provincia, di questa regione, di questo Paese. Un rapporto subdolo che emerge in tutta la sua pericolosita’ come nella vicenda del commercialista Giovanni Zumbo, curatore di beni confiscati e processato per rapporti con la ‘ndrangheta, che sottolinea la particolare capacita’ di infiltrazione mafiosa“- lo ha detto stamattina davanti ai giornalisti il procuratore della Repubblica facente funzioni di Reggio Calabria Gaetano Paci commentando la cattura del boss. Un lavoro che ha visto in capo moltissime persone, per ricomporre la rete di complicità attorno a lui, che gli consentiva di continuare a operare nel territorio. 13 in totale- ha ricordato il questore Grassi i latitanti consegnati alla giustizia in questi anni.

Stiamo dimostrando di essere piu’ forti della ‘ndrangheta– ha aggiunto il questore- e non daremo respiro a chiunque pensi di continuare a delinquere impunemente, minacciare i cittadini e gli imprenditori, pensando di farla franca“. Giuseppe Pelle si nascondeva nel  nuovo covo di contrada ‘Pistaria’ di Condofuri, una frazione che costeggia il bacino del fiume Amendolea. Insieme a lui a finire in manette anche Mario Romeo, suo fiancheggiatore.  “Quando abbiamo compreso che fosse sicuramente in quella casa – ha detto il dirigente della squadra mobile Francesco Ratta’- abbiamo risalito con i fuoristrada e al buio il greto dell’Amendolea, fino all’irruzione. Lo abbiamo sorpreso ancora vestito, come fosse pronto a scappare di nuovo. Era disarmato, e ha alzato le mani per arrendersi. E’ in buone condizioni di salute, anche se con il viso tirato e dimagrito rispetto alle foto segnaletiche“.

Reggio Calabria, arrestato il boss Pelle: era rifugiato in una delle contrade più impervie dell’entroterra di Condofuri [FOTO, VIDEO e DETTAGLI]