Reggio Calabria, per il ciclo “Giovani in Biblioteca” presentazione del libro “Pirro e la Sicilia”

In programma alla Biblioteca De Nava di Reggio Calabria la presentazione del saggio “Pirro e la Sicilia” nell’ambito dell’iniziativa “Giovani in Biblioteca” promossa dall’Associazione Anassilaos

Giovedì 12 aprile alle ore 16,45 presso la Biblioteca De Nava, nell’ambito dei “Giovedì in Biblioteca” promossi dall’Associazione Culturale Anassilaos congiuntamente con il Comune di Reggio Calabria e la Biblioteca Pietro De N ava,   sarà presentato al pubblico reggino il saggio di Elena Santagati, “Pirro e la Sicilia”. Oltre all’autrice, docente di  Storia greca  per il corso di laurea in Filosofia e per il corso di laurea in Lettere presso il Dipartimento di Civiltà antiche e moderne dell’Università di Messina, interverrà all’incontro il Prof. Daniele Castrizio, docente di numismatica greca e romana presso il medesimo Ateneo.  La morte di Agatocle (289 a.C.) segnò la fine della basileia nella Sicilia sottoposta al controllo di Siracusa e la revanche dei Cartaginesi. Forze centrifughe nelle varie poleis e presenze disturbanti come quella dei Mamertini, favorirono la frammentazione del dominio siracusano e la consueta materializzazione di aspiranti dinasti e tiranni.

Per quasi un decennio Siracusa conobbe lotte intestine e tensioni faticosamente composte nel 278/7 a.C., allorché la polis, assediata per terra e per mare dai Cartaginesi, inviava ambasciatori a colui il quale per vincoli familiari e per i recenti successi sui Romani, appariva degno successore di Agatocle: Pirro. Accolto con entusiasmo dai Sicelioti, egli colse affermazioni e vittorie che lo portarono rapidamente a sottrarre a Cartagine i territori della sua epikrateia e a vagheggiare una spedizione nella Libye con l’obiettivo di fondare un grande regno ellenistico nell’Occidente. Lo scacco patito a Lilibeo, la mole di sacrifici imposti ai Sicelioti in funzione del “sogno” africano, i metodi autoritari di governo e l’amministrazione disinvolta dei funzionari da lui scelti nelle varie città, sgretolarono rapidamente il consenso e l’appoggio di cui aveva goduto in precedenza. Mai vinto in campo aperto per la scelta ponderata dei Cartaginesi di sfruttare la propria superiorità navale, Pirro infine sconfitto nelle acque dello Stretto ritornava in Magna Grecia dopo tre anni di effimeri successi.