CISL Reggio Calabria: Perrone sull’ordinamento della Macrostruttura Metrocity

Sulla questione dell’ordinamento della Macrostruttura della MetroCity interviene la segretaria generale CISL Reggio Calabria Rosi Perrone: “Destano molta preoccupazione le modifiche al regolamento”

“Destano molta preoccupazione le modifiche al regolamento per l’ordinamento della Macrostruttura della Metrocity– afferma la segretaria generale Cisl USt Reggio Calabria Rosi Perronecosì come già denunciato  dalla Fp Cisl che ha proclamato lo stato di agitazione. Stante le  modifiche che l’Ente sta apportando alla nuova Macrostruttura, senza confronto, o  meglio con  formule di confronto che evocano la “procedura scritta”, é necessario incontrarsi  per definire il futuro di questi territori che non possono essere declassati ne abbandonati. In assenza di deleghe da parte della Regione , tra l’altro, questo è un atto  dell’amministrazione che non possiamo assolutamente accettare. Invitiamo pertanto la Città Metropolitana  a rivedere i termini riguardo l’ importanza della presenza  delle strutture sui territori per il servizio dato e per quello che rappresentano come presidi. Penso soprattutto alla forte penalizzazione riguardante gli uffici decentrati e periferici: ex circondari o servizi polifunzionali di Palmi e Locri da servizi a semplici uffici che con la dicitura Jonica, Tirrenica si denigra l’importanza dei territori di Palmi, Locri ma come anche Siderno, centri di formazione professionale e Cpi coordinati”. “In un quadro di riorganizzazione armonico la p.a. deve  essere  considerata una infrastruttura professionale preziosa per concretizzare i futuri   programmi di sviluppo del territorio metro. Per tutto ciò, chiediamo urgentemente, – conclude Perronedi aprire nel breve  un confronto su questi temi stante lo stato d ‘agitazione già proclamato”.