Reggio Calabria, padre e figlio arrestati per “tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso” e altri reati: NOMI, FOTO, VIDEO e DETTAGLI

  • Antonio Rispoli
    Antonio Rispoli
  • Cosimo Rispoli
    Cosimo Rispoli
/

Reggio Calabria, arrestati sulla jonica padre e figlio accusati di reati gravissimi. Tutti i dettagli dell’operazione dei Carabinieri

Nella mattinata del 17 aprile, in Stilo (RC), i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Roccella Jonica hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio di Calabria, Dott.ssa Valentina FABIANI, su richiesta della locale Procura Distrettuale Antimafia,  nei confronti di RISPOLI Antonio di anni 65 anni, e del figlio RISPOLI Giuseppe Cosimo di anni 24, gravemente indiziati, il primo del delitto di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso nei confronti di un imprenditore della zona, nonché entrambi del furto aggravato commesso ai danni dell’azienda agricola di proprietà del figlio del citato imprenditore sita a Guardavalle (CZ) e detenzione e porto illegale di arma comune da sparo.

I provvedimenti restrittivi scaturiscono dalle indagini svolte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Roccella, sotto la Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio di Calabria, ed hanno consentito di accertare due tentativi di estorsione posti in essere nel marzo del 2013 da RISPOLI Antonio, il quale telefonando da una cabina telefonica chiedeva al suo datore di lavoro dapprima la somma di 500.000 euro e successivamente la somma di 200.000 euro intimando in caso contrario l’incendio delle sue proprietà. I destinatari delle odierne ordinanze si sono resi altresì responsabili nel marzo del 2014 di un furto di mezzi agricoli ai danni del citato imprenditore per un ammontare complessivo di 200.000 euro, in quell’occasione Rispoli Cosimo Giuseppe su indicazione del padre  aveva portato al seguito anche una pistola.

Rispoli Antonio è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria, il figlio Cosimo Giuseppe presso l’abitazione di residenza in regime di arresti domiciliari.