Petrolio: C. Agricole, prezzo tra 67 e 72 dlr in 2018

Parigi, 8 apr. (AdnKronos) – Il prezzo del petrolio nel 2018 dovrebbe restare tra 67 e 72 dollari al barile. A sostenerlo è il Credit Agricole in un report sottolineando che “la produzione statunitense, sempre in piena crescita, dovrebbe caratterizzare il mercato petrolifero quest’anno”. I rischi e le incertezze, rilevano gli economisti della banca francese, saranno molto più significativi nel 2019 in particolare a causa dell’incertezza legata al prolungamento o meno dell’accordo Opec, della politica estera statunitense nei confronti dell’Iran, il crollo dell’industria petrolifera in Venezuela che dovrebbero pesare sul prezzo del greggio nel corso del prossimo anno.
Per quanto riguarda il 2018, osserva il Crédit Agricole, la produzione di petrolio negli Usa, che oggi già supera i risultati raggiunti a fine 2014, dovrebbe continuare “a crescere ad un ritmo sostenuto”: i produttori statunitensi “sono sicuramente i grandi vincitori dell’accordo tra Opec e paesi non Opec” che ha previsto un taglio alla produzione. “Nei primi due mesi del 2018 -rilevano gli economisti della banca francese- tutti i paesi dell’Opec, salvo l’Iraq, hanno rispettato le loro quota di produzione, contribuendo a portare i prezzo del greggio al di sopra della soglia di 60 dollari al barile negli ultimi cinque mesi”.

Adnkronos