Pd: appello 450 donne dem, usate da vertici, no n ci fidiamo più (2)

(AdnKronos) – “Mai più -prosegue l’appello delle donne Pd- pluricandidature femminili di poche per far eleggere molti uomini. Sono bastate le pluricandidature di 8 donne per escludere 39 candidate e favorire l’elezione di altrettanti uomini. Il cinismo non ha sortito pienamente i propri effetti perché il ‘flipper’ si è incagliato nella batosta elettorale. Il tutto in violazione palese dello Statuto e nel silenzio degli organismi preposti al controllo”.
“Annullata di fatto la Conferenza delle Democratiche prevista dallo Statuto, nel Partito è stato istituito il ‘dipartimento mamme’ separato dal ‘dipartimento pari opportunità’ con l’ulteriore paradosso di veder comparire nei 100 punti di programma -mai condivisi con alcuno- temi controversi mutuati dalla destra”. Quindi “è arrivato il momento di passare dalle promesse alle azioni”.
“Vogliamo essere protagoniste della necessaria fase costituente del Partito Democratico a cominciare dall’effettiva rappresentanza paritaria ad ogni livello, ispirata a merito, competenze e rappresentatività politica territoriale, piuttosto che a logiche di fedeltà politica. Ferma restando la necessità di rilanciare la Conferenza delle Democratiche, da subito ci mettiamo al lavoro per riannodare fili con la società e ridare credibilità e forza al Partito Democratico”.

Adnkronos