Messina, la statale 113 abbandonata al degrado: pali pericolanti e illuminazione assente [FOTO]

/

Pericoli e disagi lungo la strada statale 113 a Messina: la segnalazione del consigliere Biancuzzo

Lungo la strada statale 113/dir, da Ponte Gallo direzione Mortelle l’impianto di pubblica illuminazione è carente ed in numerosi tratti completamente inesistente, lo segnala il consigliere Mario Biancuzzo, che prosegue:  “Le pochissime lampade che, ancora, accendono non emanano la luce sulla strada statale ad alta densità di traffico causa delle alberature le cui chiome hanno fasciato i corpi illuminanti, per cui la strada riceve pochissima luce che filtra dagli alberi. Risultano diversi pali in cemento che sorreggono i fili dell’energia elettrica pericolanti, con i tondini di ferro arrugginiti, si staccano pezzi di cemento dai pali ormai logorati e potrebbero cadere sulla arteria stradale e sui mezzi in transito. Dalla pineta di Calamona  al tabacchino di San Saba l’impianto è completamente spento  è mancante di palificazione in alcuni tratti. Dalla Macelleria di Rodia– continua il consigliere- per un lunghissimo tratto direzione Messina l’impianto di pubblica illuminazione è completamente spento. Visto che lungo questa strada statale si sono verificati diversi incidenti mortali”. Pertanto Biancuzzo chiede:

  • “al Dirigente dell’ANAS un autorevole intervento sui responsabili del Servizio Elettrico Nazionale, gruppo ENEL, per eliminare, mettere in sicurezza o sostituire i pali in cemento che sorreggono i cavi dell’energia elettrica ubicati sulla strada statale 113/dir che potrebbero cadere sui mezzi in transito.
  • Al Signor Assessore ai lavori pubblici  di dare mandato a degli ingegneri professionisti, se il caso anche esterni, per redigere dei progetti che vanno da Ponte Gallo a Timpazzi, finalizzati alla realizzazione dell’intero impianto di pubblica illuminazione, richiedendo le somme necessarie all”Unione Europea” per l’esecuzione dei lavori al fine di eliminare pericoli alla pubblica e privata incolumità”.