Messina, riaperto l’asse viario Giammoro-Milazzo

Riaperto l’asse viario Giammoro-Milazzo: completati i lavori di manutenzione stradale e rimozione dei rifiuti solidi urbani

Riaperto oggi il tratto di strada dell’asse viario Milazzo-Giammoro, al termine degli interventi di manutenzione stradale a cura dell’IRSAP, chiuso un anno fa per problemi di sicurezza del manto stradale. Alla riapertura di stamattina erano presenti, fra gli altri, il comandante della Polizia Municipale di San Pier Niceto, capitano Francesco Crimaldi, il responsabile Area Servizi Tecnici dell’IRSAP, ingegnere Carmelo Viavattene e l’istruttore direttivo dell’Ufficio periferico di Messina, Antonino Mancari. I lavori di manutenzione stradale, per una spesa di 22 mila euro, sono stati eseguiti dall’impresa EDIL CENTRO di S. Marchetta con i fondi del Piano di interventi per le aree industriali assegnati all’IRSAP dal Dipartimento regionale Attività produttive relativi all’anno 2017.

“Torna ad essere finalmente transitabile un tratto di strada che è snodo chiave per la viabilità della zona industriale di Messina – dice il commissario ad acta IRSAP, Giovanni Perino –  e per garantire vivibilità e produttività delle aziende. L’Irsap con gli interventi predisposti, manutenzione stradale e rimozione dei rifiuti depositati nelle discariche abusive ha permesso la messa in sicurezza del tratto di strada in cui si erano create buche a seguito delle forti piogge, ci auguriamo e ci affidiamo, contando sul supporto dei Comuni, anche al buon senso dei cittadini perché lungo l’asse non tornino ad essere accatastati rifiuti di ogni genere e talvolta di materiale pericoloso per la salute pubblica”.

“L’esecuzione di tutti gli interventi previsti, – spiega l’ingegnere Carmelo Viavattene dell’Area Servizi Tecnici – ha consentito di stringere i tempi e permettere ai Comuni di Monforte San Giorgio e di San Pier Niceto di emanare le rispettive ordinanze per la riapertura della strada che è un asse nevralgico per la viabilità non solo al servizio della zona industriale e quindi delle imprese insediate ma anche dell’utenza cittadina. I lavori per la riapertura dell’asse viario hanno contribuito inoltre a dare un colpo di acceleratore al progetto di ‘RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELL’ASSE VIARIO DELL’AGGLOMERATO INDUSTRIALE DI MILAZZO GIAMMORO’ – continua Viavattene – finanziato con fondi della Città metropolitana di Messina, per il quale IRSAP, grazie ad una convezione stipulata con l’ente Città Metropolitana, potrà bandire le gare per affidare l’appalto per un importo di oltre 2,6 milioni di euro. Questi lavori potranno mettere fine alle problematiche di viabilità e sicurezza esistenti nella zona industriale di Giammoro-Milazzo”.

Nella fattispecie sono stati compiuti interventi di bonifica, decespugliamento e pulizia delle discariche abusive nella stessa area occupate dai rifiuti. L’appalto è stato aggiudicato all’impresa Pippo Pizzo con sede in Montagnareale che ha offerto il ribasso d’asta del 37 per cento e quindi per il prezzo netto di 14.293,69 euro oltre IVA. I rifiuti solidi urbani e in qualche caso anche in presenza di materiale pericoloso, come le lastre di eternit son ostati rimossi e conferiti in una discarica precedentemente individuata a norma di legge rimosse dai siti interessati. La rimozione dei rifiuti è risultata difficile per le tonnellate di rifiuti solidi urbani accatastati sul ciglio della strada frutto degli abbandoni da parte degli utenti.

Lungo l’asse Giammoro – Milazzo è stato ripristinato l’asfalto dismesso a causa della presenza di buche determinate dalle abbondanti piogge invernali. Gli interventi hanno interessato il tratto nel Comune di Valdina, Carreggiata nord e Carreggiata sud, il tratto aperto al traffico asse viario nel Comune di Monforte San Giorgio – Carreggiata sud, Comune di Pace del Mela Diramazione viaria E, Comune di Pace del Mela – Diramazione viaria D, Comune di San Filippo del Mela innesto dell’asse viario nella S.S. 113 e incrocio con diramazione direzione San Pier Niceto.