Infortuni: morti a Treviglio, sindacati si costituiranno parte civile nel processo

Milano, 3 mar. (AdnKronos) – I sindacati si costituiranno parte civile al processo per la morte in fabbrica, alla Ecb di Treviglio (Bergamo), di Giambattista Gatti e Giuseppe Legnani, nel giorno di Pasqua. “Siamo pronti, insieme a Cgil, Cisl e Uil a costituirci parte civile nel processo”, ha detto Martina Dini della Flai-Cgil e Giovanni Locatelli di Fai-Cisl. Nel giorno dei funerali delle due vittime, sarà proclamata dai sindacati “un’ora di sciopero in solidarietà e di denuncia, e per permettere a tutti i colleghi di partecipare alle esequie”. Domani, è fissata un’assemblea dalle ore 11 alle 12, all’interno dell’azienda.
“Nel 2018 sono già troppe le morti sul lavoro e gli infortuni gravi invalidanti accaduti nella nostra provincia. Chiediamo che il Protocollo appena firmato in Prefettura entri subito in vigore e, nel coinvolgere tutti i soggetti, subisca un’accelerazione e produca effetti prima possibile”, sottolineano i sindacalisti. Con le due vittime di Treviglio, salgono a 151 i morti sul lavoro in Italia dall’inizio dell’anno (nel primo trimestre del 2017 erano stati, invece, 113). Si tratta del quattordicesimo infortunio mortale in Lombardia da inizio 2018, senza contare gli infortuni in itinere, come nel caso delle tre donne morte nell’incidente ferroviario di Pioltello.

Adnkronos