Elezioni, Bramanti: “il Patto per Messina è stato un bluff”

Si scaldano i toni della campagna elettorale a Messina, la squadra di De Luca perde pezzi. Bramanti: “Sia io che Briguglio nel portare avanti quel Patto di fair play ci avevamo creduto”

Si scalda la campagna elettorale a Messina. A distanza di pochissimi giorni dalla sigla del Patto per Messina tra i candidati a sindaco Cateno De Luca e Dino Bramanti, quel resta del patto di non belligeranza sono i brandelli e in più la squadra di governo dell’onorevole di Sicilia Vera perde pezzi. È di ieri sera il video di Antonio Briguglio, postato sulla pagina fb Riabilitiamo Messina,  con cui il designato assessore di De Luca  dichiara di tirarsi fuori dai giochi per “questioni di stile” . Un passo indietro quello di Briguglio che avviene sostanzialmente per la “violazione patto” tra De Luca e Bramanti, di cui il fondatore di Riabilitiamo Messina si era reso promotore. Briguglio si ritirerà a vita privata e ha chiesto scusa a Bramanti, gesto che non è passato inosservato dal candidato del centrodestra, che ha colto la palla al balzo per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. È di qualche minuto fa il comunicato stampa con cui l’ex direttore dell’Irccs neurolesi ha fatto sapere di  aver  “apprezzato il garbo, la sincerità e l’onestà intellettuale che hanno portato Antonio Briguglio, che era stato il promotore del contatto e dell’interlocuzione che ha poi portato alla conferenza stampa congiunta con Cateno De Luca, a chiedere scusa a me ed alla mia famiglia per quanto accaduto sabato“. È Bramanti stesso a parlare di  “violazione di quel Patto e di stile” e il riferimento è a Cateno De Luca. “Ho apprezzato– continua Bramanti-  che Briguglio, nel ritirare il sostegno suo e del gruppo Riabilitiamo Messina a Cateno De Luca, che lo aveva designato assessore, abbia usato più volte il termine “stile”. “Ha ragione, è una questione di stile e aggiungo anche di metodo. Per me, ma vedo anche per lui, la politica è ben altro: è dialogo, confronto, condivisione. Sia io che Briguglio nel portare avanti quel Patto di fair play ci avevamo creduto-scrive Bramanti- e neanche per un istante abbiamo pensato che potesse venire meno la lealtà o che fosse un bluff. Spero che questo sgradevole episodio non gli abbia fatto perdere la speranza né la voglia di continuare a fare politica. Io non l’ho persa. Tutt’altro. Da sabato ad oggi non è stato il solo a darmi parole di solidarietà ed a comprendere come alcuni valori, come quelli in cui io credo, debbano essere difesi a testa alta, con la consapevolezza che una politica leale, fatta di ascolto e di proposta, possa davvero cambiare Messina. Da sabato continuo a ricevere messaggi e telefonate di quanti hanno compreso che la politica del dialogo e della proposta è l’unica strada per rilanciare Messina, una città che negli ultimi 5 anni sembra aver perso persino la speranza. Voglio dire grazie ad Antonio Briguglio per le sue parole e per un gesto nobile che al giorno d’oggi è davvero raro. Non dobbiamo rassegnarci ad un modo di fare che allontana la gente dalla politica vera e che fa perdere la fiducia in chi ci rappresenta nelle sedi istituzionali“.