Consultazioni: giovedì e venerdì secondo giro, Mattarella attende indicazioni (2)

(AdnKronos) – Per questo, regole protocollari alla mano, al momento di stilare tempi, modalità e ordine delle consultazioni, è stato stabilito di ricevere le delegazioni in ordine crescente secondo la consistenza numerica della rappresentanza parlamentare, inserendo il centrodestra al penultimo posto tra le forze politiche e facendo riferimento allo spazio destinato al maggior Gruppo dello schieramento, vale a dire la Lega.
Gli ultimi a salire al Colle saranno invece leader e capigruppo dei Cinquestelle, seguendo le stesse regole di protocollo. Nessuna lettura politica, quindi, si affrettano a precisare dalle parti del Colle, all’ordine seguito per calendarizzare le udienze, lasciando intendere quindi che prima di decidere come procedere, ancora una volta Mattarella rimane in attesa di conoscere gli orientamenti dei partiti e poi il parere delle cariche istituzionali e dell’ex Capo dello Stato che verranno ricevuti venerdì.
Se concedere ancora tempo alle forze politiche, magari offrendo un’ulteriore pausa prima di un nuovo giro di consultazioni. Oppure valutare se aprire una nuova fase, magari affidando incarichi che in qualche modo possano rappresentare un passo in avanti per la soluzione della crisi.

Adnkronos