Reggio Calabria: il Cataforio “7 bellezze” si regala la finale [FOTO]

/

U18, il Cataforio si regala la finale:  Filadelfia si arrende all’ennesima prova di gruppo dei bianconeri

Scendere sul parquet con l’obbligo di vincere con 3 gol di scarto non è assolutamente facile per nessuna squadra, specie se si affronta un team organizzato e caparbio. Il Cataforio supera anche questo difficile ostacolo e si regala la meritata finale regionale. Al “PalaBotteghelle” i reggini si impongono con il punteggio di 7-2 che, non tragga in inganno, è scaturito da una gara maschia, equilibrata e che per un minuto, sul parziale di 4-2 a metà ripresa, poteva qualificare la compagine vibonese. Nel primo tempo è un vero e proprio assedio dei bianconeri che iniziano forte con la conclusione fuori di poco di Sarica e la traversa colpita da Quattrone, ma sono ben più clamorosi gli errori di Cacurri e Nucera in contropiede a tu per tu con il portiere. Sulla seconda situazione, miracolo di Lacaria. Filadelfia che risponde con l’esterno di Panzarella che esalta i riflessi di Mancuso mentre in precedenza Valia sfiora il punto del vantaggio. Ancora i portieri protagonisti con i salvataggi di Lacaria e Mancuso rispettivamente sulla punizione di Nucera e sulla conclusione di Panzarella, attivissimo per i suoi. Il leitmotiv era esattamente quello previsto, con il Cataforio che attacca a pieno organico ed il Filadelfia che attende il momento propizio per ripartire. I Grifoni danno però l’impressione di potersi sbloccare da un momento all’altro e sugli sviluppi di una punizione, al 17′, Cantarella (ancora una volta in formato monster) non lascia scampo a Lacaria e mette a segno l’1-0. Il gol carica all’inverosimile la Quattrone’s band che colpirà altre tre volte nel giro di 10 minuti. Cantarella, galvanizzato, sforna l’assist vincente per Attinà ed è il raddoppio.

Filadelfia che sciupa clamorosamente un’azione 3 contro 2, mentre in precedenza Attinà e Cantarella creano ulteriore scompiglio tra le maglie della difesa avversaria. Il tris arriva al 24′ con il tiro di Nucera che, leggermente deviato da un difensore, tocca il palo e si infila in rete e poco dopo ci sarà anche la doppietta per lo stesso Nucera, al termine di una perfetta triangolazione con Cacurri. La prima frazione si chiude con Panzarella che si gira bene in area ma calcia sul fondo. Il 4-0 rappresenta la situazione perfetta per il Cataforio che, a conti fatti, guadagnerebbe l’accesso alla finale vista la migliore differenza reti del girone. In avvio di secondo tempo Valia e Nucera si rendono minacciosi da ambo le parti. Ospiti che hanno necessità di segnare due reti per centrare la qualificazione e provano maggiormente l’offensiva. La sassata di Panzarella trova l’ottima risposta di Mancuso, mentre Valia incrocia il destro mandando la sfera fuori di poco. Dall’altra parte Lacaria ha grandi riflessi respingendo di faccia il tiro di Sarica e poi il tap-in da metri zero, di Quattrone. Duello che si rinnova tra Valia e Mancuso ed è ancora il portiere locale ad avere la meglio.

La verve offensiva degli avversari viene premiata all’11’ quando Panzarella di sinistro accorcia sul 4-1. Reggini che hanno un attimo di sbandamento ed ospiti che ne approfittano e puniscono quattro minuti più tardi, sfruttando con Valia la dormita difensiva. La grande squadra però trova le energie necessarie proprio nei momenti più critici e dopo neanche un minuto, Sarica riprende la ribattuta del suo stesso tiro e dalla linea di fondo serve indietro Cacurri che con un bolide rimette a +3 i suoi. Dopo la punizione di Panzarella parata di piede da Mancuso ed il destro ad incrociare di Cantarella, altra carambola davanti alla linea di porta del Filadelfia che si salva sui tentativi di Cacaurri e Cantarella. Trascorrono altri due minuti, con Sarica che mette in mostra le sue abilità palla al piede, facendo possesso mirato a fare scorrere il tempo ed abbassare il ritmo. Arriva così il contropiede vincente del 6-2 con Nucera (tripletta per lui). Siamo al 27′ ed in pieno recupero c’è il 6°fallo del Filadelfia che manda al tiro libero Attinà il quale, con freddezza, si regala la doppietta personale. È l’ennesima vittoria che testimonia la grande forza di un gruppo, cresciuto di partita in partita e che affronterà in finale i catanzaresi del Futsal Fortuna domenica 15 aprile in gara secca in campo neutro da definire (Vibo Valentia?). A fine gara il commento di mister Quattrone: “Peccato per l’amnesia avuta nel secondo tempo, seppure c’è da dire che dall’altra parte c’era una buona squadra, con ottimi ragazzi. Guardando al nostro primo tempo, penso sia stato il più bel Cataforio visto tra U18 ed U19 di quest’anno. Abbiamo fatto benissimo ed il 4-0 lo testimoniava. Il 4-1 ci ha destabilizzato, il 4-2 è stata una nostra dormita ma siamo stati bravissimi subito dopo a reagire ed a realizzare il 5-2. Non ho più aggettivi per questi ragazzi. Raggiungere la finale regionale è stata la classica ciliegina sulla torta, che adesso, ovviamente, vogliamo mangiare per intero. Sono fortunato ad avere un gruppo così, con elementi scelti insieme a Roberto Zema ed a Pasquale Praticò. Il Futsal Fortuna? Mi attengo ai soli risultati. In campionato ha centrato la qualificazione play-off nei quali si è fatto valere, vincendo fuori casa e vincendo entrambe le gare delle semifinali. Sicuramente se ha raggiunto la finale è una squadra molto valida“.

U18 CALABRIA

3^GIORANTA SEMIFINALI REGIONALI

Asd Cataforio-Filadelfia 7-2

Marcatori: 18’pt Cantarella (C), 20’pt Attinà (C), 24′ e 27’pt Nucera (C), 11’st Panzarella (F), 15’st Talora (F), 16’st Cacurri (C), 27’st Nucera (C), 31’st Attinà TL (C)

Asd Cataforio: Mancuso, Cacurri, Quattrone, Sarica, Cantarella, Campolo, Morabito, Surace, Nucera, Attinà, Laganà, Costarella. All. Quattrone.

Filadelfia: Lacaria, Panzarella, Gentile, Talora, Valia, Pellegrino, Rondinelli, Michienzi, Ielapi, Caruso, Mazzotta, Labate.

Arbitri: Di Benedetto di Lamezia Terme.

Note- Ammoniti: Morabito (C), Surace (C), Attinà (C), Panzarella (F), Michienzi (F).