Carburanti: gestori, fatturazione elettronica? condizionata ad impegni governo

Roma, 5 apr. (AdnKronos) – “La fatturazione elettronica, peraltro ancora in via di ulteriori precisazioni applicative, non può essere considerata sganciata dalla piena conferma degli impegni assunti dal Governo stesso in ordine all’effettivo contenimento dei costi connessi all’utilizzo della moneta elettronica”. E’ quanto le organizzazioni dei gestori, Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, hanno tenuto a precisare al viceministro dell’Economia, Casero, nel corso dell’incontro tenuto nella giornata di ieri.
In particolare, si legge nella nota congiunta diffusa dalle Federazioni di categoria, “è indispensabile che l’azione del Governo confermi in modo tangibile che il provvedimento in ordine alla previsione del credito d’imposta a favore dei Gestori ricomprenda anche le transazioni effettuate con carte di debito (pagobancomat) e che il medesimo credito d’imposta sia spendibile tempestivamente e non sia soggetto a tassazione”.
Inoltre, proseguono i gestori, “a nulla può valere qualsiasi soluzione individuata, se ai monopolisti del circuito bancario non viene impedito, a monte, di intascarne gli effetti”.

Adnkronos