Cannitello (RC), terzo appuntamento con il caffè letterario del ciclo “Alle 5 della sera”

In programma a Cannitello (RC) domenica 8 aprile il terzo appuntamento del ciclo di caffè letterari “Alle 5 della sera”, dedicato ai confini tra i domini dell’arte e della follia

Dopo il grande consenso riscosso nell’ultimo caffè letterario dedicato all’autismo, torna un nuovo appuntamento con il ciclo dei caffè letterari promosso dal sindaco ff Maria Grazia Richichi, con il coordinamento del dott. Giacomo Romeo e la collaborazione di diversi professionisti della città, quali Chiara Ortuso, Mariarita Sciarrone, Marco Santoro, Pino Calandruccio, Maria Giovanna Salzone, Liz Ciccarello, Ketty De Gregorio, Adele Briganti e Alessia Taverriti, e con il patrocinio morale del Comune di Villa San Giovanni. L’appuntamento è Domenica 8 aprile, come di consueto alle ore 17:00, presso il Museo dell’Associazione Marinai d’Italia – Cannitello, Villa San Giovanni. Dedicato ai confini tra i domini dell’arte e della follia, il terzo caffè letterario vedrà protagoniste due professioniste, l’artista Tina Sgrò, pittrice con alle spalle numerose mostre collettive, e la dott.ssa Liz Ciccarello, architetto. L’incontro vedrà, inoltre, la partecipazione del giovane musicista Matteo Scarcella del Conservatorio di musica “Francesco Cilea” di Reggio Calabria e che ha, tra l’altro, condiviso il palco con importanti artisti italiani quali Andrea Braido e Fabrizio Bosso.  Scarcella allieterà gli ospiti con un repertorio di musica jazz. Durante la conversazione di domenica 8 aprile, moderata dalla dott.ssa Adele Briganti, i protagonisti si addentreranno nella ricerca dell’accesso alla casa di dietro il mondo.

Una definizione di Bin Kimura, uno dei più grandi psicopatologi fenomenologici del mondo, che interfacciandosi con le persone affette da schizofrenia, entrava in contatto con la loro mente cercando di insinuarsi in una fenditura attraverso i diversi sintomi che si mostravano alla superficie per penetrare nello spazio segreto che vi era dietro. Tale spazio segreto era la casa di dietro-il-mondo della sua personale esistenza. All’interno del caffè letterario lo spazio segreto è rappresentato dalle diverse forme d’arte, “intese come espressione della possibilità di attraversare quella soglia dove vai a pescare elementi che ti consentono di costruire una realtà che non è quella condivisa” dichiara lo Psichiatra Giacomo Romeo. Tra le varie forme d’arte, Liz Ciccarelo parlerà dell’Architettura, partendo da un interrogativo: esiste una separazione tra arte e architettura? “Se pensiamo a Michelangelo che era pittore, scultore, architetto, saltano gli schemi. Oggi tra l’arte, l’architettura, la moda e il design è tutto un rincorrersi e dettare le linee, valicando i confini scritti”– rivela l’architetto. E nel concetto di andare oltre si colloca il lavoro di Tina Sgrò: la pittura che va oltre le apparenze, in un gioco costante tra luci e ombre che alterano la realtà. “Le stanze dipinte sono gonfie di simboli e giochi geometrici galleggianti entro le forme abbandonate, come ricordi, in una sospensione spaziotemporale, il dilagare di uno spazio-tempo mnemonico e soggettivo, tutto interiore e immateriale a mano che la pennellata, la stesura cromatica si fa vieppiù presente e materiale”– conclude Sgrò.