Calabria: studenti in visita didattica al viadotto Italia sull’A2 “Autostrada del Mediterraneo”

Gli studenti dell’istituto  Tecnico Statale  Economico e Tecnologico V. D’Alessandro di Lagonegro in visita al viadottodell’Autostrada del Mediterraneo, sul posto tecnici Anas per illustrare l’opera ai ragazzi

LaPresse/Francesco Arena

Nell`ambito di un progetto di conoscenza del territorio e delle opere stradali,  in collaborazione con l’Associazione Archeo Geo Pollino, questa mattina alcuni studenti dell’Istituto Tecnico Statale  Economico e Tecnologico V. D’Alessandro (Lagonegro), hanno visitato il Viadotto Italia,  uno dei primi e più importanti ponti italiani a travata metallica ubicato lungo l’A2 ‘Autostrada del Mediterraneo’, tra i comuni di Laino Borgo e Laino Castello in provincia di Cosenza. Gli studenti, accompagnati dai docenti,  hanno percorso il geosito situato ai piedi del Viadotto,  guidati  dall’ Ing. Giancarlo Luongo Responsabile Progettazione e Realizzazione Lavori Anas Calabria, dal Geol  Upremio De Luca e dal Presidente dell’Associazione  Archeo Geo Pollino Terenzio Calvosa. La visita è stata incentrata principalmente nell`approfondimento delle soluzioni tecniche adottate nella costruzione del Viadotto che fino al 2004 ha rappresentato l’impalcato più alto d’Europa con il piano stradale posto a 260 metri dal fondo valle. Durante il percorso, sono state illustrate anche le peculiarità geologiche e le  valenze paesaggistiche e storico culturali della Valle del fiume Lao ai piedi del Viadotto e sulle possibili soluzioni di un turismo sostenibile che, potrebbero  rappresentare una nuova attrattiva tecnico- professionale sia nella zona di monte che direttamente nelle Gole del Fiume Lao. Anas, nell’ambito del processo di valorizzazione del parco del Pollino e della rivalutazione  degli itinerari turistici inseriti  lungo il percorso dell’A2, ha preso in esame l’ipotesi della progettazione e realizzazione del ponte ‘Tibetano’, per l’attraversamento del fiume Lao in corrispondenza del Viadotto Italia e per il  collegamento dei percorsi naturalistici presenti in zona. L’ opera potrà essere realizzata –  come previsto dall’’accordo siglato dal Ministero  e Trasporti, Anas, Regione Calabria, Provincia di Cosenza, Ente Parco del Pollino e i Comuni interessati -mediante l’utilizzo degli eventuali ribassi  dalle gare d’appalto dei diciassette interventi  previsti per il risanamento   della viabilità alternativa all’ Autostrada “A2 ‘Autostrada del Mediterraneo’, per un importo complessivo di circa 27 milioni di euro. Nelle prossime settimane sono previste ulteriori visite didattiche di altri istituti di diverse regioni d’Italia,  sempre guidate  da tecnici Anas qualificati e volti ad approfondire sia gli aspetti tecnico-costruttivi, sia gli aspetti legati alla conoscenza del territorio.