AnciSicilia incontra Musumeci, Orlando: “svolta nei rapporti con Governo regionale”

AnciSicilia  stamattina all’Ars, Orlando: “Ci auguriamo che si possa passare, in poco tempo, dagli impegni presi alle scelte concrete”

Palazzo d'Orleans palermoAudizione all’Ars quest’oggi per Leoluca Orlando. Il presidente di Anci Sicilia  insieme al segretario generale Mario Emanuele Alvano e ai vicepresidenti Luca Cannata e Paolo Amenta, è stato audito in II Commissione  Bilancio: “Esprimiamo soddisfazione per il positivo incontro di stamattina – ha detto Orlando- e ringraziamo il presidente Riccardo Savona, che ha dimostrato, così come i rappresentanti di tutti i Gruppi parlamentari, grande disponibilità ad affrontare le problematiche dei comuni siciliani. Ci auguriamo che, dopo questo primo incontro, nel corso del quale abbiamo depositato un documento programmatico sulle maggiori criticità che si trovano ad affrontare i comuni siciliani, si possa proseguire concretamente passando dagli impegni e dagli annunci alle scelte concrete”.  “Riteniamo– ha proseguito il presidente di AnciSicilia- che il confronto di oggi con l’Assemblea Regionale Siciliana debba proseguire e riteniamo, pertanto, importante prevedere, prima dell’approvazione definitiva della Legge di Stabilità per il 2018, un ulteriore incontro”.  AnciSicilia ha inoltre incontrato il presidente Musumeci e gli assessori Grasso e Armao: alla Regione “Chiediamo- ha spiegato Orlando –  pari dignità istituzionale fra Comuni, Enti intermedi e Regione siciliana e riteniamo che sia necessario un nuovo metodo di confronto che possa portare ad una trasformazione nei rapporti con il sistema delle Autonomie locali”. “Rispetto ai complessivi trasferimenti finanziari ai comuni del 2017– ha  continuato Orlando –  registriamo la disponibilità del Governo regionale  a non operare  tagli rispetto alla spesa ordinaria  e  l’impegno a prevedere le somme per investimenti così come richiesto dall’Anci nel documento programmatico illustrato e consegnato stamattina”. “Esprimiamo, infine,soddisfazione  – conclude Orlando – per la positiva svolta nel rapporto fra  le Autonomie locali e il Governo della Regione siciliana e ci auguriamo che il dialogo, apertosi stamattina, possa divenire sempre più cotruttivo nel corso delle prossime settimane e dei prossimi mesi”.