Aeroporto dello Stretto, Falcomatà: “Sacal rifiuta ancora un volta il confronto, andremo noi a incontrare i vertici della società”

Attilio Morabito Fotografo

Aeroporto dello Stretto, De Felice assente all’incontro di oggi.   Il Consiglio metropolitano, al termine della seduta, ha approvato un documento unitario che prevede l’attribuzione di una delega specifica per il monitoraggio delle azioni indirizzate allo sviluppo dello scalo di Reggio Calabria

Attilio Morabito 

L’aeroporto Tito Minniti, i problemi in cui versa, le intenzioni della Sacal, l’importanza del suo rilancio, le possibili soluzioni. Questi gli argomenti principali affrontati nel corso del  Consiglio Metropolitano Straordinario, convocato in Seduta Aperta e presieduto dal Sindaco Giuseppe Falcomatà, tenutosi oggi a Palazzo Alvaro, sede della Città Metropolitana. Una seduta importantissima quella di oggi, convocata a seguito della mozione presentata dal Vicesindaco Metropolitano Riccardo Mauro e approvata all’unanimità da tutto il Consiglio con un unico scopo: la ricerca di soluzioni per la salvezza dello scalo reggino. Grande partecipazione da parte di parlamentari, rappresentanti istituzionali e camerali, di organizzazioni sindacali e cittadini, ma si è registrata una assenza rilevante, quella del Presidente della Sacal Arturo De Felice, assenza unanimemente stigmatizzata. “E’ importante tenere alta l’attenzione sullo sviluppo del Tito Minniti – sono state le parole del Sindaco Falcomatàquesta è una delle motivazioni che ci hanno portato a convocare un Consiglio Metropolitano aperto. Stigmatizziamo con forza l’assenza di Sacal, che rifiuta ancora una volta il confronto, dimostrando mancanza di garbo istituzionale non solo nei confronti del l’Ente ma di tutti i presenti. Non abbiamo inteso rinviare per la terza volta la seduta dell’Assise nel rispetto soprattutto della comunità reggina che da mesi chiede risposte certe e concrete a chi oggi ha il compito di rilanciare lo scalo. Dobbiamo intervenire subito, dunque. Se dopo tre convocazioni disattese Sacal non viene da noi, saremo noi ad andare da Sacal. Andremo a incontrare i vertici della società per chiedere conto della vicenda del Piano Industriale, dell’inesistenza di una politica di sviluppo, dell’obiettivo del mantenimento dei livelli occupazionali. Secondo le competenze sullo sviluppo economico del territorio che la legge ci attribuisce – ha spiegato il Sindacoè nostra volontà attivare e  promuovere attività di co-marketing che possano potenziare l’aeroporto. Nessuno scalo aeroportuale al mondo si regge solo ed esclusivamente sui voli ma è necessario lanciare attività commerciali e insediamenti industriali nel perimetro dello stesso, anche alla luce delle novità introdotte dalla Zes. Esiste il dovere da parte della Società che dirige l’aeroporto di riqualificarlo  dal punto di vista infrastrutturale per consentire collegamenti veloci, via mare e via terra, captando le utenze messinesi e offrendo tempi certi, dignitosi e rapidi. Oggi la nostra città dà prova di grande maturità, così come dà prova di maturità tutto il Consiglio Metropolitano dal quale scaturisce, ancora una volta, un documento condiviso – ha concluso Falcomatànell’interesse di tutto il territorio”. Il Consiglio metropolitano, al termine della seduta, ha approvato un documento unitario. La mozione prevede,  tra le altre cose, l’attribuzione di una delega specifica per il monitoraggio delle azioni indirizzate allo sviluppo dello scalo reggino, nonché la richiesta di un tavolo di confronto con Sacal che possa offrire risposte precise alle domande che l’intera città si pone.