Terna: in piano 2018-22 investimenti a 5,3 mld, più 30%(2)

(AdnKronos) – Sviluppo, digitalizzazione e resilienza sono i principali driver degli investimenti. Il nuovo piano strategico prevede un importante contributo del gruppo finalizzato sia allo sviluppo ulteriore delle rinnovabili che all’efficienza energetica complessiva del sistema elettrico. Il tutto in un contesto che vede una solida struttura del capitale grazie alla robusta generazione di cassa, che contribuirà al Piano di investimenti e al sostegno della politica dei dividendi.
Per le attività regolate, Terna punta a rafforzare ulteriormente il core business in Italia, con massima priorità a tutte le attività che consentano al Paese di far fronte alle sfide energetiche in modo sicuro, efficiente, sostenibile. Per le attività non regolate la sfida è quella lanciare nuovi servizi a supporto della transizione energetica cogliendo opportunità ad alto valore aggiunto coerenti con le attività core di Terna. Le attività non regolate al servizio della transizione energetica, contribuiranno per circa 350 milioni di euro cumulati in termini di ebitda nei 5 anni.
Sul fronte delle attività internazionali, l’obiettivo è rendere ancora più centrale il ruolo di Terna a livello europeo al fine di rafforzare il posizionamento dell’Italia come hub energetico tra l’Europa e il Mediterraneo e di completare i progetti avviati in America Latina.

Adnkronos