Sant’Agata di Militello: Ecoturismo, le proposte dei Nebrodi per il turismo internazionale

Il Parco dei Nebrodi di Sant’Agata di  Militello ha siglato un’intesa con il Centro Parchi Internazionali per creare un polo eco-turistico e valorizzare l’area protetta

commissario ferlito con franco tassiE’ stato siglato a Roma presso l’Ufficio di rappresentanza della Regione  Siciliana un Protocollo d’intesa tra l’Ente Parco dei Nebrodi e il Centro Parchi Internazionale. L’obiettivo è creare un polo eco-turistico in grado di attrarre visitatori nella più grande area protetta della Sicilia, grazie a quello che è stato definito un nuovo Grand Tour ovvero un Global Grand Tour: grande interesse in particolare per il più promettente mercato dei prossimi anni, quello della Cina e per le occasioni di lavoro connesse. Il territorio dei Nebrodi, punto di partenza per osservare la Sicilia, si prepara ad affrontare la sfida puntando sulle eccellenze del territorio, valorizzando natura, storia e prodotti locali: trekking, percorsi culturali ed enogastronomici,  mettendo in campo le  risorse migliori. A presentare il progetto, il Commissario Straordinario del Parco dei Nebrodi, Luca  Ferlito, e il Coordinatore del Comitato Parchi Nazionali, Franco  Tassi, storico direttore del Parco Nazionale d’Abruzzo. Per Franco Tassi “la varietà dei paesaggi dei Nebrodi e la vastità del paesaggio del Parco rappresenta un punto di concentrazione del sapere, della conoscenza: bisogna portare nelle zone interne occasioni di lavoro con turismo culturale, fotografico, naturalistico e rendere i giovani orgogliosi del proprio territorio e al tempo stesso custodi della propria terra”.

commissario ferlito con benedetti presidente SISSSottoscritto anche un accordo con la Società Italiana della Scienza del Suolo, rappresentata dalla Presidentessa Anna  Benedetti, che sottolinea “la necessità di promuovere un dialogo nei confronti della popolazione, in particolare per le attività divulgative adatte a ragazzi, da diffondere in modo capillare”. Anche Carmelo  Dazzi, Presidente European Society for Soil Conservation, presente all’incontro accoglie calorosamente l’operato del Parco in quella che definisce una giornata straordinaria che ha avvicinato una istituzione pubblica ad un società scientifica, esprimendo il proprio plauso all’iniziativa. Il territorio siciliano si propone quindi come grande attrattore del turismo sostenibile, in tutte le stagioni ed in tutti i luoghi: occasioni di arricchimento anche culturali, per un Parco bene organizzato, “che può fornire – come commenta  Luca Ferlito, Commissario straordinario del Parco dei Nebrodi-  concrete occasioni di lavoro e migliorare la qualità di vita della  popolazione locale”. “Il ruolo dei Parchi è anche quello di valorizzazione culturale, di attrattore del turismo internazionale – dichiara Luca Ferlito – Questi accordi, avvenuti in un clima di grande collaborazione ed armonia, ci hanno fortemente arricchito: metteremo in pratica nel minor tempo possibile quanto sottoscritto, per fornire risposte concrete e le occasioni di sviluppo che il territorio merita”.