Sant’Agata di Militello, sei licenziamenti al Gruppo Bonina. Fiscascat Cisl: “Azioni persecutorie ai danni dei lavoratori”

Sei licenziamenti nel Gruppo Bonina di Sant’Agata Militello, la Fisascat Cisl di Messina chiede verifiche dell’Ispettorato del lavoro e alla Prefettura per i cambi di denominazione delle Aziende

tortoriciSei licenziamenti che giungono a conclusione di un percorso di “azioni persecutorie” ai danni di lavoratori della grande distribuzione, della SBM del Gruppo Bonina. A denunciare la vicenda avvenuta nel punto vendita di Sant’Agata Militello è la Fisascat Cisl che già da tempo aveva evidenziato la situazione anche agli organi ispettivi provinciali. “Adesso – spiega il segretario provinciale della Fisascat, Salvatore D’Agostino – tre lavoratori sono stati messi in ferie forzate e, contro ogni logica, sono stati effettuati assunzioni part time di macellai, repartisti e cassieri”.

Nel 2015 i lavoratori, pur di tutelare il posto di lavoro, avevano firmato un concordato – che scade nel 2020 – rinunciando all’avanzamento del livello e alla tredicesima mensilità. Nel 2016, però, l’azienda non ha rispettato i tempi del concordato nel pagamento delle retribuzioni ed i lavoratori avevano attuato lo sciopero. “Da allora – denuncia Salvatore D’Agostini – è partita una vera e propria azione persecutoria nei confronti di quei lavoratori che avevano partecipato allo sciopero. Ci sono dipendenti che non ricevono lo stipendio anche da tre mesi e, a conclusione di tutto, hanno proceduto al licenziamento di sei lavoratori con oltre dieci anni di anzianità per, secondo la motivazione della proprietà, ristrutturazione aziendale”. La Fisascat ha reiterato la richiesta di verifiche ispettive sia all’Ispettorato del Lavoro che alla Prefettura soprattutto “per quegli strani cambi di denominazione sociale avvenuta anche a distanza di due mesi e a discapito di tutta la forza lavoro”.