Salvini: “l’euro è una moneta sbagliata, rinegozieremo le sue regole” [FOTO]

  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
  • Stefano Cavicchi/LaPresse
    Stefano Cavicchi/LaPresse
/

Le parole del candidato premier del centrodestra, Matteo Salvini, durante una conferenza stampa al Parlamento europeo a Strasburgo

Strasburgo, ultimo giorno da eurodeputato per Matteo Salvini

Stefano Cavicchi/LaPresse

“L‘euro era ed è una moneta sbagliata, ma non c’è un’uscita solitaria e improvvisa possibile“. Lo ha detto il leader della Lega e candidato premier del centrodestra, Matteo Salvini, durante una conferenza stampa al Parlamento europeo a Strasburgo. “I nostri esperti, che sono stati anche eletti al Parlamento – ha spiegato Salvini, rispondendo chi chiedeva se la Lega mantenga ancora la sua posizione contro l’euro -, stanno lavorando a un ‘piano B’, qualora da Bruxelles arrivassero solo dei ‘no’. Noi – ha annunciato il leader della Lega – ci mettiamo a un tavolo da persone educate e responsabili, chiedendo di cambiare alcune regole che normano la nostra permanenza nell’Unione europea, e che stanno danneggiando pesantemente lo stile di vita in Italia, e i numeri lo dicono“. “Contiamo – ha detto ancora Salvini di riuscire a rinegoziare da persone di buon senso alcuni di questi trattati, direttive e vincoli. In caso contrario, non escludo nessuna possibilità, ma – ha insistito – l’uscita dall’euro solitaria e improvvisa non è né auspicata, né auspicabile”. “Se ci sarà una maggioranza al tavolo dei governi che vuole ridiscutere anche le politiche monetarie, noi saremo fra quelli“.