Reggio Calabria, monta la rabbia contro Falcomatà. Un cittadino esasperato: “è ora di scendere in piazza, inaccettabile prendere in giro i propri concittadini”

Reggio Calabria: cittadini esasperati per le condizioni in cui versa la città

sindaco falcomatà

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Un lettore di StrettoWeb ci scrive esasperato in merito alla situazione di totale degrado e abbandono in cui versa l’intera città di Reggio Calabria: “Gentilissima redazione di Strettoweb le scrivo per esternare la mia esasperazione e la mia rabbia per come siamo trattati dai nostri amministratori comunali. La vicenda in particolare riguarda la chiusura della strada: Via Ipponio incrocio via Messina, chiusa dal mese di novembre. Da qualche mese i lavori di rispristino della condotta sono stati terminati, quindi si sperava nella riapertura della strada, ma così non è stato. Comunque qualche giorno addietro finalmente si apprestano a rifare il manto stradale ma non gli è bastato il catrame quindi la strada risulta ancora chiusa. Nello stesso giorno che si accingevano a fare il ripristino in un telegiornale locale compare uno degli amministratori, lodandosi e lodando l’amministrazione per il suo proficuo e pronto interessamento. Forse hanno capito male ma soprattutto penso siano dei maleducati: prendere in giro i propri concittadini! Giorno successivo, altro amministratore, parla di differenziata, sempre dalla stessa emittente e spiega che per effetto della raccolta differenziata e scongiurato l’aumento della tari, fregandosene se poi i reggini pagano le tariffe più alte d’Europa. Penso che sia l’ora di organizzare una protesta di piazza e possibilmente mandarli a casa. Grazie per la vostra cortesia. Pasquale Iaria”