Parco dell’Aspromonte, incontro con i Sindacati e i dipendenti a tempo determinato

parco aspromonte

L’Ente Parco dell’Aspromonte ha tenuto mercoledì una riunione con i Sindacati e i dipendenti a tempo determinato, per discutere e definire la situazione dei lavoratori

parco aspromonteSi è svolto Mercoledì, su invito del Parco rivolto alle OO.SS. e ai lavoratori interessati, un incontro per fare il punto sulla situazione dei dipendenti contrattualizzati a tempo determinato. Alla riunione era presente Alessandra Baldari (CGIL Funzione Pubblica), insieme al personale coinvolto nella complessa vicenda che riguarda ben 21 lavoratori ex-LSU/LPU. Il Presidente Giuseppe Bombino ha inteso condividere l’articolato percorso che l’Ente dovrà eventualmente intraprendere per la individuazione delle più opportune misure da adottare, in attesa che la Regione Calabria, in accordo con i Ministeri competenti, valuti, a propria volta, come affrontare la questione anche mediante apposito tavolo tecnico al quale l’Ente Parco attende di essere invitato. Nel corso della discussione, è stata sottolineata la particolare situazione dell’Ente Parco, che, a differenza degli Enti locali, non ha autonomia decisionale alcuna in ordine alla propria dotazione organica, trovandosi, pertanto, nella situazione di poter eventualmente solo puntare alla copertura dei due posti attualmente vacanti, a fronte della necessità di avviare specifico iter burocratico al fine di un ipotetico ampliamento della dotazione organica, previa acquisizione dei necessari pareri ministeriali. A conclusione dell’incontro, il primo di un tavolo permanente che si è inteso avviare con l’auspicio di una positiva conclusione della vicenda per tutti i lavoratori dell’Ente, si è concordato in ordine all’opportunità di indire nel prosieguo un’ulteriore riunione che consenta, allorquando si saranno meglio delineate alcune questioni a livello statale e regionale, di fare nuovamente il punto sulla situazione, di tal che anche l’EPNA possa in via definitiva ed in ossequio alle previsioni normative vigenti, valutare con maggiore certezza il da farsi.