Palermo, Palazzo Abatellis: l’opera di Antonello da Messina incontra l’opera di Francesco Laurana

Presso la Galleria regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis a Palermo, l’ esposizione le opere realizzate da due protagonisti del Rinascimento umanistico

palazzo abatellis palermoDal 20 marzo al 22 aprile, L’Annunciata e il Busto di Eleonora d’Aragona saranno presentate eccezionalmente nella stessa sala espositiva all’interno della Galleria che dal 1954, anno della sua apertura, le accoglie dedicando loro due ambienti distinti all’interno del percorso realizzato da  Carlo Scarpa. Per la durata dell’esposizione le due opere saranno accostate nella sala della sezione scultura che abitualmente ospita il Busto di Eleonora d’Aragona. Sono le opere compiute e mature di due protagonisti del Rinascimento umanistico, i cui percorsi culturali fra Napoli e l’Italia centro settentrionale nella seconda metà del Quattrocento sono stati ipotizzati ora come tangenti, ora come paralleli, così come la loro attività in Sicilia. Sul tema della figura umana i due Maestri  elaborarono il loro linguaggio artistico,  singolare e unico, pur calibrato sui medesimi  elementi costitutivi, centrali nella cultura figurativa del loro tempo:  spazio, forma, luce. L’incontro fra le due opere del Quattrocento, alta espressione della centralità dell’uomo nella cultura del loro tempo, si arricchisce in mostra di un’altra presenza che esprime la centralità dello sguardo dell’uomo verso il mondo circostante. Sulle due opere si posa lo sguardo di Sharbat Gula, la ragazza afgana dagli occhi verdi e il mantello rosso sul capo, ritratta da  Steve Mc Curry nella ormai storica foto del 1987 , un ritratto divenuto testimone dei nostri giorni. La mostra costituisce il preludio della programmazione che Palazzo Abatellis dedica al Rinascimento in pittura e scultura, partendo dalle sue opere manifesto, per arrivare alla mostra che per la prima volta, dai musei d’Italia e d’Europa, porterà la pittura di Antonello da Messina a Palermo e a Palazzo Abatellis. Il termine  preludio apre al mondo della musica : per tutta la durata della mostra si svolgerà un calendario di appuntamenti periodici dedicati alla esecuzione di preludi di musica classica, oltre che ad incontri tematici, reading, visite guidate.

orari

da martedi  a venerdi ore 9 – 19

sabato – domenica e festivi ore 9 – 13