Online il report sulla qualità dell’aria a Gioia Tauro

qualità aria

Report sulla qualità dell’aria richiesto dalla Regione Calabria a seguito degli incendi di agosto scorso nel quartiere Ciambra

qualità aria“Dal confronto con le precedenti campagne di monitoraggio effettuate presso il medesimo sito nei periodi 30 novembre 2010 – 16 febbraio 2011 e 16 luglio 2015 – 20 ottobre 2015, non sono state rilevate discordanze dei risultati e gli andamenti dei profili di concentrazioni dei diversi inquinanti sono tipici del periodo di osservazione”. A questa conclusione è giunto il Rapporto sulla Qualità dell’aria di Gioia Tauro, riferito al 2017, realizzato dal servizio tematico Aria del Dipartimento provinciale di Reggio Calabria dell’Arpacal, che da questa mattina è online sul sito web dell’Agenzia (www.arpacal.it). La campagna di monitoraggio è stata effettuata a seguito di una richiesta che il Dipartimento Ambiente e Territorio della Regione Calabria aveva formulato all’Arpacal nell’agosto scorso  a causa degli incendi di ingenti quantità di rifiuti che si sono verificati nel quartiere Ciambra del Comune di Gioia Tauro.

Guidati dal dirigente, dr.ssa Angela Cardile, i tecnici del servizio Aria del Dipartimento di Reggio Calabria dell’Arpacal (CPS Esperto Angelo Sartiano , CPS Esperto Emilio Centorrino e CTP Esperto Dott. Pasquale Crea) hanno quindi realizzato un monitoraggio con l’utilizzo di un laboratorio mobile equipaggiato con gli analizzatori per la ricerca degli inquinanti normati dal D.lgs. 155/2010, attuativo della direttiva 2008/50/CE sulla qualità dell’aria. L’attività è stata condotta con lo scopo di evidenziare eventuali modifiche sostanziali della composizione dell’aria in riferimento a precedenti monitoraggi effettuati nella stessa zona nei periodi: 30 novembre 2010 – 16 febbraio 2011 e 16 luglio 2015 – 20 ottobre 2015. La campagna di monitoraggio svolta nel 2017 ha coperto ininterrottamente il periodo compreso tra il 29 agosto ed il 11 novembre.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...