Messina, il valore dell’accoglienza: il calciatore Jeboah ospite dell’IC “Santa Margherita” di Giampilieri

Bagno di folla per il centravanti del Messina David Yeboah, protagonista di un incontro sui temi dell’accoglienza e dell’integrazione ospitato dall’IC “Santa Margherita” di Giampilieri Superiore

MessinaBagno di folla per il centravanti del Messina David Yeboah, protagonista di un incontro sui temi dell’accoglienza e dell’integrazione ospitato dall’IC “Santa Margherita” di Giampilieri Superiore. L’attaccante ghanese ha raccontato agli studenti dell’istituto la propria vicenda personale, dall’addio alla propria terra all’approdo in Italia, fino all’esordio tra i professionisti con la maglia del Catanzaro.

“Credo nella cultura del lavoro”, ha affermato Yeboah, “mi impegno tutti i giorni per migliorarmi e aiutare così la squadra a raggiungere i propri traguardi. Ringrazio mister Modica che mi ha dato la possibilità di crescere tecnicamente e umanamente in questi mesi di esperienza in giallorosso. Mi piacerebbe restare qui a lungo per condurre il Messina nelle categorie che gli competono. Consiglio a tutti i ragazzi di non perdere mai la stima in se stessi: nella vita si affrontano tante avversità, ma non bisogna mai arretrare di un millimetro nella lunga corsa verso i propri sogni”.

Il progetto, coordinato dalla docente Antonina Busà e organizzato in collaborazione con l’Ufficio diocesano “Migrantes” presieduto dal dott. Santino Tornesi, si è concluso con uno scambio di doni tra l’ACR Messina e l’istituto. Yeboah si è poi intrattenuto a lungo con i giovanissimi studenti per gli autografi di rito.