Categoria: CALABRIAEDITORIALINEWSREGGIO CALABRIA

Estradato in Italia Emanuele Cosentino, latitante di ‘ndrangheta dal 2013: era nell’elenco dei più pericolosi [DETTAGLI]

Arrestato latitante di ‘ndrangheta dal 2013 a seguito delle minuziose indagini svolte dai Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, supportati nella fase esecutiva da personale della polizia tedesca

È rientrato oggi in Italia, presso l’aeroporto di Fiumicino, Emanuele Cosentino, 32enne di Palmi, arrestato a seguito delle minuziose indagini svolte dai Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, supportati nella fase esecutiva da personale della polizia tedesca.

Emanuele Cosentino è ritenuto elemento di spicco dell’articolazione territoriale della ‘ndrangheta denominata cosca “Gallico”, operante prevalentemente nell’area tirrenica reggina e con ramificazioni in ambito nazionale ed internazionale. Le attività d’indagine, condotte sotto la costante direzione della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabra, hanno consentito di stringere il cerchio intorno al latitante dopo 10 mesi di approfondimenti investigativi – prima focalizzati su alcuni elementi della cosca d’appartenenza, poi concentrati sulla cerchia familiare – per cogliere elementi utili a ricostruire e monitorare il collaudato circuito che nel tempo gli ha assicurato la latitanza.

Il 2 marzo scorso Cosentino è stato sorpreso per strada nel centro cittadino, alla guida di un’autovettura con targa tedesca. Insieme a lui era presente la moglie L.N., che lo aveva recentemente raggiunto da Palmi, dove viveva con i loro cinque figli, uno dei quali nato durante la latitanza del padre. L’esito positivo dell’operazione è stato favorito, in maniera determinante, dalla cooperazione avviata con la polizia tedesca del Saarlander – l’egida del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (SCIP) – che ha consentito di capitalizzare le acquisizioni investigative dei Carabinieri di Reggio Calabria.

COSENTINO, destinatario di mandato di arresto europeo emesso dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria nel giugno del 2017, si era reso di fatto irreperibile dall’ottobre 2013, allorquando si era sottratto ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal locale ufficio GIP su richiesta di questa Procura Distrettuale, per i reati di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dal metodo mafioso, medesimi reati per cui era ricercato in campo internazionale.  Nel tempo, gli sviluppi processuali hanno condotto ad una condanna, confermata in appello, a oltre 7 anni di reclusione.

L’uomo era stato recentemente inserito nell’elenco dei “Latitanti pericolosi”: come hanno documentato le indagini a suo carico, fin dall’anno 2004 ha assicurato un costante contributo alla cosca di appartenenza, da tempo egemone nel territorio di Palmi. Dal 2011, dopo i provvedimenti cautelari che avevano raggiunto il “reggente” del sodalizio, Nasso Domenico, COSENTINO si era sostituito a quest’ultimo nella gestione delle attività estorsive, ricevendo da quest’ultimo le disposizioni che gli venivano comunicate tramite i familiari dal carcere.

Articoli recenti

Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria: approvato il Decreto Sanità, ecco il decreto nei DETTAGLI [GALLERY]

Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria: ecco nei dettagli il Decreto Sanità, ossia la norma per affrontare l’emergenza sanitaria regionale…

18 Aprile 2019 22:58

Pranzo commemorativo dei 29 anni del Centro Calabrese a Porto Alegre

Pranzo commemorativo dei 29 anni del Centro Calabrese del Rio Grande do Sul, tenutosi presso la sede della Sociedade Italiana…

18 Aprile 2019 22:42

In pensione il Prefetto di Vibo Valentia: è l’uomo che catturò il boss Provenzano

Giuseppe Gualtieri a capo della Squadra Mobile di Palermo ha arrestato il boss Bernardo Provenzano, latitante da oltre 40 anni…

18 Aprile 2019 22:35

Perrone (Cisl): “positivo il Consiglio dei Ministri in città, ma da domani non si spengano i riflettori su Reggio Calabria”

Perrone (Cisl): "due importanti provvedimenti quest’oggi del Consiglio dei Ministri, tenutosi a Reggio Calabria, che lasciano ben sperare per il…

18 Aprile 2019 22:26

Catanzaro: il 27 aprile il lancio del progetto riCalabria

Il 27 aprile il lancio del progetto riCalabria, nella sala “Giuditta Levato” del MUSMI, all’interno del Parco della Biodiversità Mediterranea…

18 Aprile 2019 22:15

Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria, Mangialavori: “dal governo solo propaganda, nessuna misura per i pazienti”

Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria, Mangialavori: "il Decreto Grillo è solo uno strumento di propaganda, la salute dei calabresi…

18 Aprile 2019 22:00