fbpx

Elezioni, Santelli soddisfatta: “risultato di Forza Italia in Calabria superiore al resto d’Italia”

Elezioni: le parole di Iole Santelli, deputata uscente e coordinatrice di Forza Italia in Calabria

santelli (1)Ringrazio di cuore gli elettori che hanno votato Forza Italia. In Calabria Fi si e’ attestata su un risultato del 21/22% che e’ molto sopra la media nazionale ed e’ la percentuale piu’ alta d’Italia. E’ evidente che il dato politico piu’ rilevante e’ il successo di Movimento 5 Stelle, un risultato che ha caratterizzato tutto il Sud d’Italia evidentemente rappresentando un profondo malcontento ed una disillusione del Meridione d’Italia“. E’ quanto afferma, in una nota, Iole Santelli, deputata uscente e coordinatrice di Forza Italia in Calabria. “I candidati di Fi – aggiunge Santellihanno tutti fatto un enorme lavoro e raggiunto percentuali importanti, in molti casi non sufficienti a vincere nei collegi uninominali per la marea di consenso di 5 Stelle da un lato ed il crollo del Pd dall’altro. Il voto nei singoli territori dovra’ essere esaminato con maggiore attenzione una volta che sara’ composto il quadro completo dei risultati. E’ giusto sottolineare il successo personale di Giuseppe Mangialavori che ha portato Vibo Valentia al Senato al 43%. Il successo di Marco Siclari e Francesco Cannizzaro a Reggio Calabria. Nel quadro complessivo di una profonda disillusione verso i partiti, con il crollo del Pd, specialmente nel Sud, rimane il dato del migliore risultato nell’area del Mezzogiorno per Fi e da questo ripartiamo, insieme a tutti i candidati, consapevoli di poter fare un lavoro ancora migliore”. “Dobbiamo aprire una discussione – sostiene ancora Santelli – sui grandi temi dell’immigrazione in Calabria, sul lavoro che non c’e’, su una rabbia popolare che va incanalata sul binario della politica. Voglio ringraziare Roberto Occhiuto per il contributo fornito al partito. Ora e’ necessario scrivere una pagina nuova alla Regione, laddove c’e’ un sistema politico debole che lascia a mani vuote le aspettative di decine di migliaia di calabresi“.