Commercio: Unioncamere, in Veneto consumi tengono, negozi sempre più chiusi (2)

(AdnKronos) – (Adnkronos)- “Seppur positivo, il dato delle vendite al dettaglio del secondo semestre del 2017 è ancora troppo debole per poter parlare di ripresa ‘ dichiara il presidente di Confcommercio Veneto Massimo Zanon ‘ I negozi di vicinato di piccole dimensioni crescono troppo poco, in parte penalizzati dall’incremento dell’e-commerce (che in questo inizio 2018 sta penalizzando anche i ‘grandi’), ma anche da costi di locazione e di gestione troppo alti, oltre che dall’assenza di una seria politica di rigenerazione urbana. A confermarlo è il sentiment di previsione delle imprese del commercio al dettaglio per i prossimi sei mesi. Possiamo tornare a essere competitivi solo in presenza di programmi strutturati di rivitalizzazione urbana, con politiche di defiscalizzazione e calmierazione dei costi di locazione, facendo al contempo un buon uso integrato dei nuovi strumenti tecnologici”.
I prezzi di vendita, negli ultimi 6 mesi dell’anno hanno segnato un aumento del +0,4% (+0,9% la variazione media annua) in diminuzione rispetto al primo semestre del 2017 (+1,4%). L’aumento dei prezzi ha riguardato il commercio al dettaglio non alimentare e quello alimentare (rispettivamente +0,8% e +0,6%) mentre i supermercati, gli ipermercati e i grandi magazzini hanno registrato una sostanziale stabilità del -0,1%. A livello dimensionale le imprese più piccole hanno risentito maggiormente dell’aumento dei prezzi (+0,9%); le imprese di media e grande dimensione hanno evidenziato una variazione più contenuta (+0,2%).

Adnkronos