Camera ardente di Fabrizio Frizzi: centinaia di persone in fila [FOTO]

  • Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
    Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
    Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
    Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
    Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
    Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
    Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
    Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
    Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
    Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
  • Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
    Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse
/

Tantissime persone in fila per entrare alla camera ardente di Fabrizio Frizzi nella sede RAI di Viale Mazzini

Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse

Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse

Centinaia di persone in fila in viale Mazzini per rendere omaggio a Fabrizio Frizzi, scomparso domenica notte dopo un’emorragia cerebrale. Davanti alla camera ardente aperta dalle 10 un serpentone sempre più lungo di persone commosse, in fila. C’è chi porta dei fiori perché ”era un ragazzo buono, uno di casa che si faceva voler bene da tutti”, dice Gabriella. Mentre Gaetano e Federica sono partiti ieri da Minervino, in Puglia, per essere qui stamattina a salutare l’uomo che ha ispirato il nome della loro azienda di acqua minerale. ”Glielo avevamo raccontato l’anno scorso ed era stato contento, ci aveva abbracciato. Era una persona che colpiva per la sua semplicità”. (AdnKronos)