Caligiuri sulla frase shock dell’insegnante in Calabria: “Le istituzioni non fanno ancora abbastanza per combattere la violenza di genere”

Caligiuri fa appello alla sensibilità del Presidente della Regione Calabria, di mettere a punto nuovi finanziamenti per la rete dei centri-antiviolenza

Maria Josè CaligiuriNon basta. Il grande lavoro che il Dipartimento Diritti Umani e Libertà Civili di Forza Italia della Calabria, sta svolgendo per contrastare la violenza di genere, diffondere la cultura delle pari opportunità e sostenere le donne che subiscono maltrattamenti, non basta. Altrimenti, troverei una adeguata giustificazione, alla becera affermazione “le donne andrebbero tutte sterminate”, da parte di una insegnante-educatrice, nei confronti di una giovanissima, che già paga lo sconforto per la mancanza della mamma, scomparsa per cause ancora non accertate. Evidentemente non facciamo ancora abbastanza, soprattutto nell’accompagnamento a una cultura del rispetto fra i sessi. La costernazione che ho provato in queste ore, inerente all’affermazione dell’insegnante e alla totale indifferenza sul caso, da parte della Commissione Regionale Pari Opportunità della Calabria, devono essere da stimolo per fare ancora di più. Quindi, mi appello alla sensibilità del Presidente della Regione, di mettere a punto nuovi finanziamenti per la rete dei centri-antiviolenza, perchè la mia intenzione è quella di potenziare su tutto il territorio regionale, la rete regionale. Invito inoltre, la Commissione Pari Opportunità, ad elaborare un progetto regionale di comunicazione, al quale possono aderire tutti i centri antiviolenza e le case rifugio. Deve essere una nostra priorità, dedicarci alla promozione della cultura del rispetto fra i sessi e della sensibilizzazione al contrasto alla violenza sulle donne. Spero che questo progetto, possa trovare accoglienza da parte della Commissione Pari Opportunità. Per riuscire a raggiungere il nostro obiettivo, tutte noi che facciamo parte del sistema di prevenzione e contrasto alla violenza di genere, dobbiamo andare nella stessa direzione e fare squadra”. Lo scrive in una nota Maria Josè Caligiuri, Responsabile Regionale del Dipartimento Diritti Umani e Libertà Civili di Forza Italia della Calabria