Allerta Meteo, dalla Festa del Papà all’Equinozio di Primavera: attenzione al forte maltempo di Martedì 20 Marzo in Calabria e Sicilia

Allerta Meteo, sull’Italia la “Tempesta perfetta” tra il giorno della Festa del Papà e quello dell’Equinozio di Primavera: forte maltempo in tutto il Paese

allerta-meteo-martedì-20-marzo-776x420Allerta Meteo– La settimana dell’Equinozio di Primavera è iniziata nel giorno della Festa del Papà e di San Giuseppe con forte maltempo su gran parte d’Italia. Le condizioni del tempo di oggi nel nostro Paese sono tipicamente marzoline, con estrema variabilità, schiarite che si alternano ad improvvisi annuvolamenti e scrosci di pioggia a tratti intensi e accompagnati dalla grandine, addirittura dalla neve in pianura tra Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna mentre sulle Alpi occidentali abbiamo +11°C a Sondrio e Aosta. Notevoli anche gli sbalzi termici lungo la costa Adriatica, dai +7°C di Ancona ai +17°C di Molfetta. Una situazione tipicamente marzolina.

Intanto domani, Martedì 20 Marzo, sarà il giorno dell’Equinozio di Primavera che quest’anno scoccherà in anticipo rispetto al tradizionale 21: entreremo così in Primavera anche dal punto di vista Astronomico. Un passaggio che avvertiremo in modo più significativo nel weekend, perché Domenica 25 arriva l’ora legale e le giornate saranno molto più lunghe e luminose, con l’orario del tramonto che per gran parte d’Italia sarà oltre le 19:30, addirittura intorno alle 20:00 nelle Regioni più occidentali.

Ma da un punto di vista meteorologico le condizioni del tempo rimarranno più invernali che primaverili per tutta la settimana (weekend compreso), soprattutto tra Giovedì 22 e Venerdì 23, quando avremo una vera e propria ondata di freddo per l’atteso colpo di coda dell’inverno. Non è un evento da sottovalutare, anche se durerà poco (appena due giorni) e non sarà affatto intenso come viene dipinto da settimane su molti siti web che continuano a blaterare di “Burian Bis, gelo e neve in pianura“. Nulla di tutto questo. Avremo però forte maltempo al Sud e tanta neve nelle zone interne dell’Appennino, fino a quote collinari. Un evento che seguiremo con particolare attenzione in appositi bollettini previsionali.

Intanto però è bene concentrarci su quello che succederà nelle prossime ore, perché dopo il maltempo di oggi, domani proprio nel giorno dell’Equinozio di Primavera arriverà sull’Italia un altro ciclone Mediterraneo ancora più intenso. E sarà una sorta di “Tempesta perfetta”, perché investirà tutta l’Italia in modo particolarmente violento.

La nuova tempesta formerà un profondo ciclone di circa 995hPa nel Mediterraneo occidentale, per l’ingresso d’aria fredda sul “Mare Nostrum” dalla Valle del Rodano verso le isole Baleari. Questa tempesta si porterà sulla Sardegna alimentando nella prima parte della giornata, domani mattina, piogge e temporali su tutta l’isola mentre sull’Italia splenderà il sole e al Sud le temperature aumenteranno fino a +21/+22°C per i forti venti di scirocco. Nel corso della giornata, però, il maltempo si estenderà dalla Sardegna al resto d’Italia, colpendo tutto il Centro/Sud. Soltanto il Nord verrà risparmiato dai fenomeni più estremi. Forti piogge, temporali e venti intensi colpiranno bassa Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Sicilia e Calabria occidentale entro sera, estendendosi poi in serata anche a Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e al resto della Calabria.

Ancora una volta, non farà freddo. Neanche caldo ovviamente. Sarà una giornata tipicamente marzolina, estremamente instabile, all’insegna del maltempo e della variabilità. La neve cadrà soltanto in montagna sui rilievi appenninici, addirittura oltre i 1.500/1.600 metri in Calabria, oltre i 1.400 metri in Basilicata, oltre i 1.300 metri in Campania, oltre i 1.000/1.200 metri tra Sardegna, Lazio, Abruzzo e Molise. In serata tra Marche e Umbria potrebbe nevicare invece un po’ più in basso, a partire dai 700 metri.

Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: