Droga e mafia: condanna a 16 anni per il re dei narcos, è uomo del boss Messina Denaro

16 anni di carcere per traffico internazionale di droga a Salvatore Miceli, uomo di fiducia di Matteo Messina Denaro e Provenzano

manetteIl gup di Palermo ha accolto la richiesta di pm Piero Padova e Carlo Marzella, condannando a 16 anni di carcere Salvatore Miceli per traffico internazionale di stupefacenti. Si tratta di uno degli uomini inseriti per anni nella lista dei trenta latitanti più pericolosi del paese. Miceli, ritenuto capomafia dei Salemi, ha una precedente condanna per narcotraffico, però mai scontata. L’uomo gestiva il traffico di droga affidatogli dai boss Pino Lipari e Bernando Provenzano. A farlo arrestare nel 90 fu l’allora procuratore di Marsal Borselllino, grazie alle testimonianze di Giacoma Filippello. L’uomo diventato poi latitante, fu trovato in un albergo di lusso a Caracas nel 2009.