fbpx

Veneto: Regione sperimenta percorsi diversificati per i disabili

Venezia, 19 feb. (AdnKronos) – Quando i disabili invecchiano, potranno rimanere nelle strutture che li ospitano. Solo se le loro condizioni psicofisiche non saranno più compatibili con l’assistenza offerta dalla comunità alloggio o dalla struttura ospitante, verranno accolti da una residenza per anziani non autosufficienti. E’ la novità che la Regione Veneto ha deciso di sperimentare, per un anno, introducendo un ‘doppio canale’ nei percorsi di assistenza. La sperimentazione approvata dalla Giunta introduce una valutazione multispecialistica e multidisciplinare per le persone disabili in prossimità del loro 65° anno, in modo da stabilire quale sia la struttura o il servizio più idoneo per loro, sulla base dei loro bisogni e potenzialità.
‘Vogliamo superare la vecchia regola che stabiliva che al compimento del 65° anno di età la persona disabile dovesse essere trasferita in una struttura per anziani ‘ spiega l’assessore al sociale che ha introdotto la sperimentazione Manuela Lanzarin ‘ Non ci sembrava ragionevole allontanare dal loro contesto di vita persone disabili che hanno ancora discrete potenzialità di autonomia e di relazione, né sovraccaricare i centri per non autosufficienti dell’incarico di accogliere persone che hanno sì bisogno di assistenza, ma manifestano bisogni e attitudini ben diverse da quelle di un ultraottantenne affetto da un mix di patologie croniche”.
Il provvedimento interessa quasi mille disabili ‘over 65’, dei quali un centinaio assistiti nei centri diurni, 590 nelle residenze protette del Veneto e 239 a domicilio, con l’assegno di cura domiciliare. Per ognuno di loro l’Unità di valutazione multidimensionale distrettuale (UVMD) andrà a verificare quale possa essere la soluzione ottimale – se la prosecuzione nella struttura che già li ospita, oppure la casa di riposo – nel rispetto di un progetto personalizzato di cura, senza aggravi economici per le famiglie o i comuni.