Turismo sportivo, occasione vincente per la Riviera dei cederi

cofGrande successo alla BIT di Milano per la Riviera dei Cedri; il Peperoncino Festival, prima, scacchi e ciclismo, dopo, hanno fatto parlare della Riviera dei Cedri durante tutta la giornata di lunedì. Presso lo stand della Regione Calabria, dopo aver parlato dei cammini con il Touring Club, il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio e il presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, Arca ed Ecotur hanno presentato la programmazione degli eventi sportivi previsti per il 2018 nella Riviera dei Cedri,  dimostrando come lo sport può essere un grande attrattore di flussi turistici. Il ciclismo a giugno, con la 1 edizione della “Gran Fondo Terun Scalea”, gli scacchi a luglio, con la “Finale nazionale del campionato italiano di scacchi under 16”, sono solo alcuni degli appuntamenti più importanti che ARCA ed Ecotur hanno previsto per il 2018. Due eventi che, grazie allo sport, porteranno migliaia di visitatori, anche da oltre oceano, sul territorio dell’alto Tirreno cosentino per scoprire, le tradizioni, la storia, la gastronomia e i paesaggi mozzafiato del Parco nazionale del Pollino e dei borghi che lo circondano. Infatti per la prima edizione della “Gran Fondo Terun Scalea” si stimano in 8000 le presenze generate dalla partecipazione di ciclisti dall’Italia e dall’estero, mentre sono più di 20.000 quelle previste per l’evento sugli scacchi. Giancarlo Formica e Angelo Napolitano, promotori dell’iniziativa, hanno raccontato dell’importanza di fare rete e programmazione sul territorio e condividere con gli operatori turistici e con le istituzioni l’occasione che si presenta. “Fare bene è la prossima mossa – sottolineano Formica e Napolitano -  molti dei partecipanti saranno in Calabria per la prima volta, per cui bisognerà dimostrare che si può fare bene accoglienza e far scoprire gli splendidi borghi, i prodotti della tradizione agroalimentare calabrese, i paesaggi suggestivi e spesso incontaminati del territorio, che fanno incantare il viaggiatore, in modo che, rientrando a casa sua, potrà raccontare delle meraviglie della Calabria e magari suggerire a un amico di andare in Calabria e nella Riviera dei Cedri per il suo prossimo viaggio”.