Turchia: 499 arrestati per “propaganda terroristica”

Turchia: sono 449 le persone arrestare dal 20 gennaio con l’accusa di aver fatto ”propaganda terroristica” sui social media

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Sono 449 le persone arrestare in Turchia dal 20 gennaio con l’accusa di aver fatto ”propaganda terroristica” sui social media, ovvero per aver criticato l’offensiva militare ’Ramoscello d’ulivo’ in corso nella provincia di Afrin, nella Siria nordoccidentale. E’ quanto emerge da dati diffusi dal ministero degli Interni della Turchia. Il ministero ha quindi spiegato che 124 persone sono state arrestate per aver partecipato a proteste di piazza dall’inizio dell’offensiva. Tra le persone arrestate figurano giornalisti di mezzi di informazione filo-curdi o membri del sindacato dei medici turchi, il Ttb, come ha spiegato il quotidiano Cumhuriyet.

(AdnKronos)