Messa in sicurezza degli edifici pubblici, la Fillea-Cgil di Messina sollecita i Comuni

Messa in sicurezza degli edifici pubblici del territorio, la Fillea Cgil di Messina sollecita i comuni a presentare le istanze

messina dall'alto (2)Prosegue l’iniziativa della Fillea-Cgil di Messina nei confronti di amministrazioni locali ed enti per i necessari interventi di messa in sicurezza nel territorio che possono creare opportunità di lavoro. La Fillea fa presente come per il 2018 è di 150 milioni di euro la disponibilità economica che i Comuni potranno utilizzare, come contributo per la messa in sicurezza di edifici pubblici, comprese le scuole, e del territorio. Questo – si evidenzia - rappresenta solo la prima parte degli 850 milioni previsti con la Legge di Bilancio 2018 (altri 300 milioni saranno a disposizione nel 2019 e 400 milioni nel 2020). Ciascun Comune potrà richiedere uno o più interventi, già previsti nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche, per un importo massimo di 5.225.000 euro. Termine ultimo per la presentazione delle istanze il 20 febbraio 2018. “In un territorio come il nostro, dove la messa in sicurezza è una priorità, per non dire un’emergenza, poter accedere a tale contributo rappresenta un incentivo fondamentale per i nostri comuni”, osserva Enzo Cocivera segretario generale della Fillea-Cgil di Messina. “Inoltre – prosegue – è di straordinaria importanza che le amministrazioni comunali, in una fase difficile come questa, per l’edilizia in particolare e per l’economia locale in generale, attivino tutti i canali e gli strumenti possibili per utilizzare le risorse disponibili (in primis quelle previste nel “Patto per la Sicilia”), per dare una boccata di ossigeno al settore edile e al tempo stesso dotare le proprie comunità di opere necessarie e strutture sicure”. La Federazione provinciale dei lavoratori del comparto delle costruzioni svilupperà ulteriori azioni per sollecitare la programmazione degli interventi oltre che l’immediata apertura dei cantieri delle opere previste nei patti per lo sviluppo.