Reggio Calabria, il capolista del Pd Ottavio Amaro si presenta alla città: “sono a disposizione dei cittadini” [FOTO e INTERVISTA]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria, si presenta il candidato del Pd Ottavio Amaro: “a disposizione della città”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Questa sera Ottavio Amaro, candidato del centrosinistra al Senato al Collegio Uninominale n. 4 ha incontrato le sue elettrici ed i suoi elettori nella sede della segreteria politica di via Del Torrione 26, a Reggio Calabria. Amaro è sostenuto dal PD, Civica Popolare, Più Europa con Emma Bonino e Insieme Professore ed è Direttore Generale dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria.

“Una scelta di stare in questo luogo ed in questa regione e mettersi al servizio dei cittadini”, ha sottolineato Amaro, spiegando i motivi della sua candidatura. “Ho incentrato tutte le mie esperienze di lavoro e di studio attorno allo sviluppo della Calabria e dei territori del Sud. Sono convinto che solo l’impegno consapevole di tutti i calabresi può consentire una valorizzazione piena di tutte le nostre risorse. Città più sostenibili, il restauro del paesaggio meridionale, l’utilizzo produttivo e culturale dei beni confiscati alla mafia, l’area del Porto di Gioia Tauro, i piccoli centri urbani, il turismo. Di queste cose mi sono interessato nella mia attività di ricerca e di lavoro. Ho sempre sognato di poter mettere tutto questo a disposizione della mia terra e della mia regione. Il mio studio, il mio lavoro, la mia esperienza di sindaco mi hanno convinto che le nostre istanze devono essere portate con ancor più determinazione all’attenzione dei governi e del paese intero. Noi calabresi chiediamo di contribuire a far uscire l’Italia definitivamente dalla crisi degli anni terribili che abbiamo alle spalle attraverso il nostro sviluppo e la creazione di nuova ricchezza in Calabria. Da qui la decisione di candidarmi al Senato”.